^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

SOCIAL GROUP E RSS

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

Cane e gatto. Due stili a confronto

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

Non vi è dubbio che l'adagio che recita 'andare d'accordo come cane e gatto' per indicare uno stato di idiosincrasia abbia un fondo di verità. Da molti punti di vista, infatti, cane e gatto rappresentano due universi antinomici, quasi speculari, in cui ciò che è buono per uno è male per l'altro. La differenza tra loro investe tutto l'orizzonte comportamentale, in primis il modo di stare nel mondo, di costruire la relazione e di comunicare: ciò significa che la loro convivenza non deve essere data per scontata.

Animale di squadra, il cane sa pensare solo in modo collettivo e non è in grado di figurarsi come singolo; animale solista, il gatto si interfaccia al mondo con un individualismo che può sembrare sfacciato, ma che sta alla base della sua sopravvivenza. Entrambe sono specie sociali, ma ognuna interpreta la socialità in modo peculiare: per il gatto è convivenza che sollecita la fantasia; per il cane è operosità su cui concentrarsi. Impossibile, dunque, conciliare queste realtà antinomiche? No, cane e gatto possono arrivare a stare insieme con successo, ma per poterlo fare è necessario procedere con cautela, se non si sono frequentati fin da piccoli, avvalendosi di un esperto. Lo stesso vale per chi desideri essere un buon compagno di vita, piuttosto che un padrone, dei propri amici a quattro zampe.

La relazione con il cane e con il gatto fa sperimentare dimensioni esistenziali irraggiungibili nell'esclusività dei rapporti umani, sono esperienze che ti cambiano profondamente, sono vere e proprie epifanie in grado di aprire l'immaginazione a mondi incogniti e affascinanti che mettono in mostra la parzialità della condizione umana. Il mondo del cane forza ogni tendenza alla chiusura perché nessuno più di lui è in grado di richiamare al valore della relazione, all'importanza della condivisione, all'imperativo categorico della partecipazione. Il mondo del gatto ti spinge alla riflessione, al piacere dell'immersione totale nel mondo, all'appropriarsi degli spazi vitali, all'interno di un regime di accesa interattività, che si dipana nell'attenzione curiosa ed emotiva.

Roberto Marchesini, etologo e zooantropologo di fama, insegna in diversi atenei, tenendo conferenze in tutto il mondo sulla relazione tra l’uomo e le altre specie animali. Saggista molto conosciuto, ha all’attivo oltre un centinaio di pubblicazioni. I suoi libri sono tradotti in inglese, francese, portoghese, spagnolo. Alcuni, come il Dizionario bilingue. Italiano/Cane-Cane/Italiano (Sonda, 2010), sono diventati veri e propri best seller. I suoi articoli sono apparsi sulle pagine culturali dei maggiori quotidiani nazionali; tiene rubriche fisse su «Il Manifesto» e «La Stampa» e su periodici come «Airone» e «Focus», dirigendo inoltre prestigiose riviste accademiche come «Animal Studies. Rivista italiana di antispecismo» (Novalogos) e «Zooanthropology. The International Journal of Human-Animal Relationship» (Cambridge Scholars & Publishing).

Autore: Roberto Marchesini
Editore: Safarà
Formato: Brossura
Pubblicazione: 05/2018
Pagine: 184
Prezzo: € 15,00

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Susi
0 #2 Susi 2018-07-04 14:09
Molto interessante, io che non conosco altro che una vita con cani e gatti in contemporanea, sono proprio curiosa di sapere cosa ne pensano i studiosi c04
 
 
Perla
+2 #1 Perla 2018-06-27 13:11
Apprezzo tanto Marchesini e ho diversi libri suoi molto interessanti.
Di sicuro la lettura di questo suo nuovo libro è altrettanto utile e interessante.
La copertina è stupenda! c28