^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

NEWS E SOCIAL GROUP

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CHI È ONLINE

Abbiamo 102 visitatori e nessun utente online

Elogio del gatto

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

In modo discreto ma prepotente, misterioso e affascinante, non del tutto selvaggio e nemmeno completamente addomesticato, il gatto è un punto interrogativo a quattrozampe e occupa intere pagine della letteratura mondiale. La sua complessa personalità gli permette di interpretare il ruolo del despota, dell'amante, del complice, del dio. Vive nelle nostre case, ci prendiamo cura di lui, eppure rimane per noi un eterno enigma. Per quanto tentiamo di regolare la sua vita, la libertà di Micio profuma di una vivace anarchia.

E per noi, semplici umani, diventa difficile entrare nella sua testa. Stéphanie Hochet, attraverso le parole di grandi autori come Baudelaire, Colette, Natsume Sóseki, Maupassant e Amelie Nothomb, ci svela gli infiniti volti di questo animale flessibile per definizione e la sua capacità di restituire il lato nascosto dell'uomo, la sua parte in ombra. E cosa più di un gatto assomiglia a un'ombra?

Autore: Stéphanie Hochet
Editore: Voland
Formato: Libro
Pubblicazione: 04/16
Pagine: 112
Prezzo: € 10,00

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Nikiezorro
0 #3 Nikiezorro 2016-05-02 10:54
Citazione Perla:
oppure dal libraio direttamente!


Dal libraio non comando spesso... mi piace di più ricevere pacchi da scartare *ridere
 
 
Perla
0 #2 Perla 2016-05-01 15:07
In effetti Niki, mi capita speso di vedere tra i libri che tu consigli qualche titolo interessante che poi non si trova in libreria e l'unica è ordinarlo o in rete oppure dal libraio direttamente!
 
 
Nikiezorro
0 #1 Nikiezorro 2016-04-29 16:21
Non sono riuscita a trovarlo in libreria... meno male che c'è amazon *lingua