^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

NEWS E SOCIAL GROUP

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CHI È ONLINE

Abbiamo 116 visitatori e nessun utente online

I gatti di Roma

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

I gatti di Torre Argentina, i gatti della Piramide, i gatti di Tor Pignattara. Un simbolo, quello del felino, ormai entrato a pieno titolo nell'immaginario collettivo: basti pensare a calendari e cartoline che li ritraggono al sole su qualche monumento. Nella Roma antica il gatto era un compagno nella vita terrena e anche in quella oltre la morte. Alcuni reparti dell'esercito romano avevano sugli scudi il simbolo di gatti di colori differenti. Da qui giunsero alla Roma imperiale, dove il gatto domestico conobbe la definitiva affermazione e consacrazione.

In un tempio, dove oggi sorge la chiesa di Santo Stefano del Cacco, venne rinvenuta la piccola statua della gatta che ancora oggi si può ammirare su un cornicione di Palazzo Grazioli, in via della Gatta. Arrivò poi il Medioevo, quando i gatti vennero associati alle streghe e con loro bruciati. La loro storia accompagna dunque quella dell'Urbe e non sono pochi i personaggi romani inseparabili dal loro amico a quattro zampe. Storia, aneddoti, fatti meno noti che raccontano il gatto romano e, con lui, anche il volto più scanzonato della città.

Monica Cirinnà consolida la sua militanza nel movimento animalista, dopo la laurea in Giurisprudenza, ottenendo come primo successo la legge che vieta in Italia la soppressione degli animali randagi. Oggi è senatrice del PD, si occupa di Diritti civili, ma è anche imprenditrice agricola e vive con quattro gatti trovatelli e quattro cani, tra i quali una beagle salvata dalla morte per sperimentazione.

Lilli Garrone nata e cresciuta a Roma, laureata in Lettere, con una tesi in Etnologia, ha lavorato al «Corriere della Sera» e all’«Avvenire». Ha raccolto dal cortile Miufi, la gattina con cui vive. Insieme a Monica Cirinnà ha scritto 'L’alfabeto del gatto', 'I gatti di Roma' e i bestseller '101 storie di gatti che non ti hanno mai raccontato' e '101 storie di cani che non ti hanno mai raccontato'.

Autori: Monica Cirinnà - Lilli Garrone
Editore: Newton Compton
Formato: Rigido
Pubblicazione: 11/15
Pagine: 318
Prezzo: € 12,00

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Perla
+1 #2 Perla 2016-01-16 13:32
L'ultima volta che sono andata a Roma ho potuto constatare che i mici sono veramente trattati bene e rispettati nei dintorni dei tanti monumenti. Potrebbe essere un libro da leggere. Dico "potrebbe" perché non vorrei ci siano anche storielle finite male........
 
 
Susi
0 #1 Susi 2016-01-14 14:55
c09 c07 c34