^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

SOCIAL GROUP E RSS

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

Le malattie dell'esofago nel gatto

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

I segni dei disturbi dell'esofago sono la difficoltà nella deglutizione e il rigurgito (ritorno di cibo o liquido prima che raggiunga lo stomaco). L'esofagite (infiammazione dello stomaco) di regola è causata da corpi estranei o da un reflusso acido. Altre cause comprendono alcuni farmaci, l'ingestione di sostanze irritanti o caustiche oppure una malattia tumorale. Anche il calicivirus felino (virus che causa malattie orali e infezioni a carico delle vie respiratorie superiori del gatto) può causare esofagite nei gatti.

Viste le molteplici cause non vi è alcuna predilezione nota in merito a età, razza o genere. L'infiammazione lieve può non produrre segni visibili e spesso non necessitano di alcun trattamento. Se il problema è causato da un reflusso acido (una causa di bruciori di stomaco negli esseri umani), i farmaci che riducono l'acido dello stomaco possono dare sollievo. Il veterinario raccomanderà di alimentare il gatto con cibo leggero, povero di grassi e fibre, in piccoli pasti frequenti.

Se l'esofagite è grave, potrebbe essere necessario posizionare chirurgicamente una sonda da nutrizione nello stomaco, bypassando l'esofago per permettere al gatto di guarire. A volte, sono prescritti antibiotici per prevenire le infezioni batteriche. I gatti, in genere, selezionano il cibo più accuratamente rispetto ai cani ma, occasionalmente, possono ingoiare un corpo estraneo che si blocca nell'esofago. Gli ossi sono i più frequenti, ma anche altri oggetti come aghi, filo, spago, legno e ami da pesca possono occultare l'esofago.

I segni comprendono un'eccessiva perdita di saliva, conati di vomito, rigurgiti e ripetuti tentativi di deglutire. Molti corpi estranei possono essere osservati dalle radiografie. Se si rinviene un corpo estraneo nell'esofago, il veterinario deve rimuoverlo il prima possibile. L'intervento chirurgico si rende necessario se è stato perforato l'esofago o se l'oggetto estraneo non può essere rimosso con un'endoscopia. La prognosi dipende ovviamente dalla gravità dell’esofagite e dalla presenza o meno di stenosi che non sempre può essere risolta sfruttando l’endoscopia. (Foto: Pinterest)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Susi
0 #2 Susi 2018-07-25 15:25
*scioccato huuu, che brutta cosa! Mai sentito e per fortuna mai vissuto da uno dei miei pelosi!
Condivido con Perla: Foto eccezzionale!
 
 
Perla
+1 #1 Perla 2018-07-23 14:49
Per fortuna questa è una patologia che i miei gatti non hanno mai avuto. Tocco legno!...
La foto.....una meraviglia!! c36