^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

SOCIAL GROUP E RSS

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

L'uso dei baffi nei gatti

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

I baffi di Micio sono dei peli lunghi e ampi che crescono ad angolo retto rispetto alla pelle. Questi peli sono diversi dagli altri, che crescono ad angolo obliquo, e i follicoli da cui crescono sono ricchi di terminazioni nervose sensitive. Queste caratteristiche fanno in modo che i baffi siano molto sensibili al tatto ed è per questa ragione che viene loro attribuito anche l'altro nome di peli tattili o vibrisse (si noti che anche la pelle nella zona tra i baffi è estremamente sensibile).

I baffi sono utili al gatto nei suoi giri nell'ambiente casalingo e nel suo territorio. Di notte possono essere usati per rilevare gli oggetti che si trovano sul cammino. Quando Micio gira per l'ambiente familiare, i baffi gli permettono la navigazione, cioè l'identificazione di oggetti familiari che gli consentono di sapere a che punto si trova. Si ritiene che quando i baffi del gatto, completamente distesi, riescono a passare attraverso una stretta apertura, anche il resto del corpo riesce a passare, cioè non vi è rischio che resti intrappolato.

Dal modo in cui il vento muove i baffi, il gatto trae indicazioni, quando salta, per correggere il salto a seconda della velocità e della direzione del vento. Inoltre, dal momento che i baffi forniscono informazioni sulla direzione del vento, il gatto può individuare più rapidamente l'origine di un odore attraente o repellente portato dal vento. Quando tiene stretto in bocca un animale catturato dopo averlo morso al collo, Micio protende in avanti i baffi quasi per toccare la preda. In questo modo, può individuare qualsiasi movimento della preda e riesce più facilmente a stabilire se l'animale è morto e se può allentare la presa senza pericolo.

I baffi vengono usati anche per 'sentire' un gatto estraneo quando incontrandosi si esaminano e si annusano a vicenda. Inoltre, i baffi possono essere usati per esprimere determinate emozioni; possono essere strofinati, ad esempio, contro oggetti o persone gradite, mentre nello stesso tempo questi oggetti vengono marcati con l'odore della ghiandola che si trova sulle guance; oppure i baffi possono essere completamente distesi in segno di minaccia verso altri gatti.

Vi sono delle variazioni nella forma dei baffi come per gli altri tipi di pelo. Ad esempio, il Devon Rex può avere dei baffi molto corti e ispidi o non averli affatto. Tempo fa si è riusciti ad ottenere mediante incroci una razza, l'American Wirehair, che ha pelo corto, grezzo e ispido e dei baffi arricciati e irregolari. Peli simili ai baffi, chiamati peli carpali, si trovano pure all'estremità della parte posteriore delle zampe anteriori e sono anch'essi molto sensibili al tatto. (Foto: Pinterest)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Susi
0 #2 Susi 2018-07-03 19:07
Foto meravigliosa e spiegazioni interessanti c04
 
 
Perla
+1 #1 Perla 2018-06-30 13:47
Tante belle informazioni. Grazie Niki c28