^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

SOCIAL GROUP E RSS

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

Anche Micio può imparare a fingere

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

 

Alcuni gatti che vorrebbero godere di un affetto straordinario imparano che, se si feriscono mordendosi o masticandosi una parte del corpo, spesso la coda, in presenza del padrone, possono ottenere maggiore attenzione e simpatia. Se non vi è una causa certa (come ad esempio un'infestazione da pulci) di tale comportamento, si deve tenere presente la possibilità di una malattia simulata. Altri gatti possono credere che, dopo una caduta o un incidente stradale, il fatto di zoppicare provochi una reazione di simpatia da parte del padrone.

Sempre per questa ragione, questo 'zoppicare per ottenere simpatia' ricompare successivamente tutte le volte che l'animale vuole ottenere una particolare attenzione del padrone, specie quando il gatto sa di dover competere con altri membri della famiglia per ottenere l'affetto voluto. È noto anche un caso in cui un gatto si era mutilato la coda in modo così grave da rendersi necessaria l'amputazione, ma anche in seguito l'animale continuò a mordere il moncone. Solamente quando la padrona reagì a queste 'esibizioni' lasciando ogni volta la camera, questo comportamento ebbe termine.

Analogamente, un gatto guarito da una malattia seria può scoprire con disappunto di non essere più coccolato come prima e a volte impara a fingersi ammalato per poter riguadagnare maggiore attenzione. Talvolta una tale frustrazione (cioè uno sforzo comportamentale) può essere dimostrata dal gatto, ad esempio, quando un nuovo arrivato o una visita, sia essa un animale o una persona, invade il suo territorio e compete con esso per ottenere dell'affetto.

Ciò può scatenare ben determinati segni fisici di malattia, come il rifiuto del cibo o il vomito. Tali sintomi possono manifestarsi in situazioni di sovraffollamento oppure se il padrone tiene un ricevimento o se il gatto viene trasferito in un ambiente diverso. In questi casi l'animale non simula; lo stato di ansia ha veramente causato la malattia, ma non appena lo stress viene rimosso, i sintomi anomali o migliorano o scompaiono del tutto. (Foto: Pinterest)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Nikiezorro
+1 #2 Nikiezorro 2018-05-07 10:35
Il compianto Sumo era uno specialista *divertente quando ha capito che zoppicando veniva portato in braccio al piano di sopra (aveva avuto un trauma alla spalla) anche dopo la guarigione a volte zoppicava ancora quando non aveva voglia di spostarsi da solo *lingua
 
 
Susi
+1 #1 Susi 2018-05-06 19:49
Mammamia, non avrei mai pensato che anche i mici possono arrivare a tanto, sapevo solo dei cani *confuso