^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

SOCIAL GROUP E RSS

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

Vita domestica? No, grazie!

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

I gatti domestici di oggi possono sembrare ben diversi dai loro cugini selvatici, ma sotto le apparenze casalinghe i loro istinti naturali di sopravvivenza rimangono pressoché inalterati. Questo si può chiaramente vedere nella maggior parte delle grandi città, dove è facile trovare colonie di gatti inselvatichiti - gatti domestici tornati a vivere allo stato selvatico - che vivono lungo i terrapieni e le piattaforme delle ferrovie oppure in edifici vuoti o diroccati.

Questi gatti vivono prevalentemente in città perché è più facile trovare del cibo, ma sono molto adattabili e possono vivere anche in campagna, dove conducono una vita più solitaria affidandosi soprattutto alla loro abilità di cacciatori. I gatti inselvatichiti tendono ad avere abitudini notturne e non è facile vederli all'aperto fino a dopo il tramonto, quando escono dai nascondigli. Solitamente discendono da felini che si sono smarriti e sono stati costretti, per sopravvivere, a frugare nei rifiuti, a cacciare come gli antenati selvatici e a catturare roditori e uccelli.

La natura prolifera dei gatti fa si che queste popolazioni inselvatichite crescano rapidamente, formando colonie che possono arrecare disturbo alle persone che ci vivono vicino. Non sono gatti sociali: evitano il contatto con gli umani e tendono a rintanarsi furtivamente nelle tenebre, dove i richiami delle femmine e i suoni delle lotte tra maschi possono trasformarsi in spaventose cacofonie notturne. È quasi impossibile addomesticare i gatti inselvatichiti, e nemmeno le organizzazioni gattofile lo fanno, anzi, quando sono chiamate a prestare aiuto tentano di catturarli, li fanno sterilizzare e li testano e, se in salute, poi li rimettono in libertà.

In pochi anni le colonie finiscono per esaurirsi, perché questi gatti vivono meno dei coccolatissimi mici domestici. Perfino i gattini inselvatichiti sono meno disposti di quelli domestici ad accettare la compagnia degli umani. Solitamente reagiscono con soffi e graffi ai tentativi di ammansirli, e spesso dimostrano una tendenza ad allontanarsi che rende molto difficile il loro addomesticamento. Sono anche imprevedibili e, se si innervosiscono, possono graffiare senza preavviso. (Foto: Pinterest)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Perla
+1 #2 Perla 2018-04-11 09:26
Grazie per questo bellissimo articolo Niki c36 c28
 
 
Susi
+1 #1 Susi 2018-04-09 15:12
Leggendo questo articolo ringrazio il Signore che ci sono delle persone che si prendono cura di loro dove è possibile.
c07