^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

SOCIAL GROUP E RSS

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

Gatti e cibo: l'alimentazione nella terza età

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Come tutti ben sappiamo la salute comincia nel piatto: questo vale sia per noi ma anche per i gatti. Un micio anziano ha una digestione più lenta e non riesce ad assimilare tutti i nutrienti. Verso i 10-12 anni diventa meno attivo, può avere problemi alle gengive o ai denti, l'odorato si è indebolito. Inoltre i senior diventano più esigenti e volubili, tendono a fare i capricci, ad essere più schizzinosi verso il cibo. Il segreto è nutrirlo con alimenti di alta qualità e concedergli, senza esagerare, qualche piccola golosità. Se è abituato al cibo secco o umido non c'è bisogno di fare cambiamenti.

Il gatto senior resta carnivoro e poiché è più sedentario la quantità di calorie necessarie si riduce (circa del 20% in meno) ma necessita sempre di tutti i nutrienti. Invecchiando potrebbe avere carenze particolari, in questo caso sarà il veterinario a prescrivere eventuali integratori (lievito di birra, vitamine ecc.). I cibi pronti specifici per gatti senior sono studiati per soddisfare tutte le esigenze ed assicurano una dieta equilibrata e bilanciata che aiuta a prevenire o rallentare i tipici effetti della vecchiaia quali: problemi renali, diabete, obesità, stitichezza.

In ogni caso il cibo pronto secco va alternato all'umido e a qualche prelibatezza preparata da noi stessi. Rispettiamo sempre gli orari in quanto Micio, essendo un animale abitudinario, ama mangiare in un clima sereno e calmo. Se gli prestiamo particolare attenzione potremo osservare come annusa sempre il cibo, si guarderà attorno, annuserà di nuovo, poi leccherà, ed infine, se tutto è di suo gusto, inizierà il pasto educatamente e lentamente. La razione giornaliera va suddivisa in 4-5 piccoli pasti. Il cibo deve essere fresco e leggero, preparato sul momento.

Fattori come la temperatura, la situazione ambientale, il movimento attorno a lui, le condizioni psicologiche, l'età, possono influenzare l'appetito e il fabbisogno giornaliero. Un gatto anziano costretto a mangiare con gatti più giovani e voraci potrebbe ingozzarsi per paura che uno di loro gli rubi la sua razione. L'abitudine di lasciargli sempre la ciotola piena inducendolo a mangiare in continuazione può avere effetti negativi sulla digestione e la linea. Ricordiamoci che se è annoiato, malinconico, nervoso o addolorato può arrivare a rifiutare il cibo fino all'inappetenza.

Prestiamo particolare attenzione anche al peso: se s'instaura un sovrappeso significa che lo stiamo nutrendo troppo, se invece notiamo un calo ponderale potrebbe essere sintomo di disturbi renali, problemi alla tiroide, tumori, o più semplicemente problemi dentali. Se il nostro gatto è arrivato alla veneranda età di 12-16 anni anni significa che lo abbiamo curato e nutrito come si deve! Se l'alimentazione è bilanciata ed equilibrata, il mantello sempre soffice e lucido, non ci sarà bisogno di integratori. Micio sa riconoscere sempre i buoni cibi, assecondiamolo! (Foto: Pinterest)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Susi
0 #1 Susi 2018-03-27 18:17
Ottimi consigli Niki. c09