^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

SOCIAL GROUP E RSS

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

Gatti e cibo: l'eccessiva voracità

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Questo disturbo del comportamento alimentare - che si manifesta richiedendo e ingerendo una grande quantità di cibo - può essere provocata da un'alimentazione troppo appetitosa o non sufficientemente ricca (da qui il sentirsi obbligati a consumare in abbondanza), ma a volte è rivelatrice di uno stato ansioso o di una depressione. Il gatto cerca di alleviare il proprio malessere con il cibo. Ma esistono altre patologie che si manifestano con un feroce appetito.

Prima fra tutte è il parassitismo intestinale, più frequente nei cuccioli, (i parassiti si nutrono di parte della razione), il diabete (sempre più diffuso, che si manifesta con un aumento di appetito e sete) e più raramente alcune malattie ormonali come l'ipertiroidismo.La bulimia può anche essere provocata dal proprietario che sopravvaluta i bisogni del proprio gatto offrendogli cibo molto nutriente a volontà o che mal interpreta i suoi miagolii e insistenze. A questo bisogna aggiungere che la maggior parte di noi ama veder mangiare il proprio felino.

Per evitarlo, optiamo per un'alimentazione self-service con le crocchette, pesiamo la razione giornaliera e controlliamo il peso del gatto. In ogni caso, una dieta ipocalorica, inevitabile per un soggetto obeso, deve essere associata alla ricerca delle cause (alimentari, organiche o comportamentali) della bulimia. In particolare, sarà necessario sottoporre Micio a esami di laboratorio quali analisi delle urine, del sangue, e così via. Se vengono escluse le cause organiche non ci resta che prestargli maggiori attenzioni durante il giorno.

Aumentare il tempo da dedicargli sia in coccole che in momenti di gioco da fare insieme. E quando ci chiederà del cibo extra proviamo a distrarlo in altre attività ludiche. Ci vuole tempo, pazienza e amore ma è una condizione che si può modificare. Va tenuto in considerazione anche il fatto che esistono delle razze di gatti (il British Shorthair è una di queste) molto voraci nei confronti del cibo, pertanto - se non si dimostra un po’ di polso fin da subito - si corre il rischio di dover servire cibo in continuazione. (Foto: Pinterest)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Susi
0 #2 Susi 2018-03-19 20:10
Articolo interessante, finora non ho mai avuto simili problemi, ma il nostro Struppi di 16 anni comincia a diventare molto rotondo, lo porterò presto per il controllo dal vet. Grazie Niki c09
 
 
Perla
+1 #1 Perla 2018-03-19 10:08
Il British del compagno della mia piccola conferma la voracità nei confronti del cibo. All'inizio non è stato capito che bisognava avere polso e ora è difficile fare passi indietro.... c06
Foto meravigliosa Niki c36