^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

SOCIAL GROUP E RSS

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

Gli acari dell'orecchio nel gatto

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

Se il nostro gatto continua a scuotere la testa, nella stragrande maggioranza dei casi, significa che una o tutte e due le orecchie sono infestate dagli acari, una situazione che viene comunemente chiamata 'scabbia - o rogna - dell'orecchio'. Questi parassiti sono talmente piccoli che non possono essere individuati all'interno del canale dell'orecchio ad occhio nudo. Invece con una lente si possono vedere dei puntini biancastri che si muovono lentamente all'interno del canale.

Generalmente i veterinari usano una lente assieme ad una sorgente luminosa; l'apparecchio prende il nome di otoscopio e serve appunto per controllare l'orecchio. Osservando al microscopio il cerume estratto da un orecchio si possono identificare facilmente gli acari. Essi non penetrano nella pelle ma vivono e si moltiplicano alla superficie, escoriando le cellule morte della pelle ed eventualmente succhiando la linfa dai vasi cutanei. Anche se vi sono pochi acari e non si manifestano segni evidenti di disagio, in alcuni gatti l'attività degli acari provoca una notevole infiammazione e irritazione dell'orecchio esterno (otite esterna).

Questo fa sì che l'animale scuota, strofini o si gratti le orecchie quasi di continuo. Spesso il gatto infligge terribili ferite con gli artigli, lacerandosi la parte esterna delle orecchie e la pelle sulla testa, provocandosi delle lesioni e delle emorragie. Sovente questo grattarsi di continuo provoca la caduta di tutto il pelo dietro l'orecchio e nella zona compresa tra l'orecchio e l'occhio. Nella parte esterna dell'orecchio si può formare anche un ematoma (raccolta di sangue) che deve essere eliminata chirurgicamente altrimenti, guarendo, l'orecchio si piega e si deforma nella cosiddetta ‘orecchia a cavolfiore’.

Come reazione all'irritazione del canale auricolare, si forma una grande quantità di cerume bruno scuro che poi si essica in croste. Nella maggior parte dei casi si possono facilmente eliminare gli acari pulendo le orecchie e applicando un farmaco antiparassitario, generalmente in gocce, per 5-7 giorni. Si devono pulire ambedue le orecchie e poiché gli acari si trasmettono con facilità da animale a animale, si devono trattare contemporaneamente tutti i cani e i gatti della casa, sia che presentino o no i segni di infestazione.

Gli acari possono anche migrare ad altre parti del corpo ed è quindi bene trattare tutto il corpo dell'animale con antiparassitario in polvere o a spruzzo. Se la parassitosi si trascina senza essere curata può danneggiare seriamente il timpano e portare a sordità. Molto meno comuni sono le infezioni batteriche o la presenza di corpi estranei come semi di erba o terra. Anche queste, tuttavia, possono provocare un'irritazione che induce il gatto a scuotere la testa. Per identificare con certezza la vera causa del problema, è meglio far vedere Micio da un veterinario per la prescrizione della cura adatta. (Foto: Pinterest)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Susi
0 #2 Susi 2018-03-14 16:25
Citazione:
Mi viene da grattarmi solo leggendo l'articolo
*lol vero Perla!
Anche i nostri gatti e cani hanno gia avuto questo problema, ma e vero, le cure sono molto efficaci e rapide *lingua
 
 
Perla
+2 #1 Perla 2018-03-06 14:17
Mi viene da grattarmi solo leggendo l'articolo!
Capita spesso di trovare randagini con questa patologia. Per fortuna che le cure, di solito, sono efficaci rapidamente.
Ottimo articolo Niki c28