^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

SOCIAL GROUP E RSS

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

Rallentare l'invecchiamento di Micio

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

L'elisir di lunga vita o la pozione magica per fermare il tempo non esistono. Ad onor del vero, a dispetto di tutto questo, il gatto sembra possedere il segreto dell'eterna giovinezza. La maggior parte dei gatti con più di 8 anni non mostra affatto i segni dell'età. Come accade nei cani, il muso non imbianca, gli occhi mantengono la consueta limpidezza e non subentrano zoppie. Di solito, dopo i 10-12 anni, il mantello perde un po' di brillantezza, il corpo diventa un po' più ossuto, meno sinuoso ed agile. I denti tendono a diventare gialli.

Durante il giorno Micio aumenta i sonnellini e di notte può cercare maggiormente il nostro conforto. Così come capita agli esseri umani, il suo metabolismo subisce un rallentamento. Ha bisogno di introdurre meno calorie, il cibo deve essere più digeribile, di alta qualità e suddiviso in tanti piccoli pasti. La miglior cosa da fare è quella di non modificare la sua routine: niente cambiamenti nella sua dieta e nel suo stile di vita a meno che non ci sia una malattia specifica, nel qual caso si adotteranno misure adeguate.

Condividere la nostra vita con un gatto anziano non comporta stravolgimenti particolari: è sufficiente continuare ad accudirlo con l'amore e la dedizione di sempre. Bisogna però essere particolarmente rigorosi su un punto fondamentale: prestare attenzione a come si comporta. Un gatto senior sopporta male gli stress ambientali e familiari e la sua capacità di adattamento cala sensibilmente.

Ogni due-tre mesi poniamoci le seguenti domande:

- come si comporta il mio gatto?

- Partecipa alla vita famigliare e dell'ambiente che lo circonda?

- Mangia? Quanto mangia? Cosa gradisce di più? Ha meno appetito del solito? Mangia svogliatamente?

- Beve? Quante volte al giorno? Più del solito? Fa più pipì?

- È dimagrito? È apatico o iperattivo? La pelliccia è opaca?

- La salivazione è aumentata? Vomita spesso?

- Gli occhietti lacrimano? Starnutisce frequentemente? Tossisce?

- La cassettina la usa sempre regolarmente?

- Da quanto tempo non lo sottopongo agli esami del sangue?

La prevenzione ha un ruolo d'importanza vitale: l'osservazione costante da parte nostra, l'attenzione alle minime variazioni e a quelle che possono apparire semplici stranezze. Regolari controlli semestrali dal veterinario e l'esercizio fisico mentale, che noi stessi dobbiamo stimolare, sono accorgimenti fondamentali per aiutare il nostro amico a mantenersi in buona forma e a invecchiare serenamente. (Foto: Pinterest)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Perla
+1 #2 Perla 2018-01-24 15:27
Condivido tutto quanto ha scritto Susi.
Grazie Niki c28
 
 
Susi
+1 #1 Susi 2018-01-21 22:00
Grazie per questi consigli sempre utili per chi ha dei mici anziani c09 c07
E che tenera questa foto