^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

SOCIAL GROUP E RSS

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

Quali furono i gatti più potenti?

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Nel febbraio del 1754 re Luigi XV di Francia ricevette come regalo di compleanno uno splendido gatto bianco d'Angora, una razza nuova venuta dall'Italia, con un collarino di diamanti al collo. Il re ne rimase folgorato e lo chiamò Brillant. Il micio aveva il privilegio di poter entrare per primo, al mattino, nella stanza del re. Martin Lutero, padre della chiesa protestante, aveva un gatto bianco di nome Pangur Bán, al quale dedicò versi e poesie. Anche Benito Mussolini aveva un gatto. Si chiamava Tobia ed era tigrato.

Il duce fece collocare un suo ritratto gigantesco nella Sala del mappamondo, a Palazzo Venezia. Bill Clinton aveva un gatto bianco e nero chiamato Socks (Calzini). Quando l'animale morì di tumore, l'allora presidente degli Stati Uniti lo fece cremare e le ceneri furono sparse in Arkansas, dove era nato. Papa Leone XII amava moltissimo il suo gatto grigio tigrato di nome Micetto. Lo teneva dentro le maniche della tunica, e sul letto di morte lo affidò al visconte Francois-René Chateaubriand, raccomandandogli di averne cura.

Mimì era la gatta siberiana a pelo lungo di Rosa Luxemburg. Quando rosa fu imprigionata, si preoccupò di affidarla ad una tutrice, coinvolgendo un avvocato affinché l'operazione andasse a buon fine. Henry Wriothesley, terzo conte di Southampton, aveva una gatta bianca e nera di nome Trixie. Quando fu condannato all'ergastolo per aver congiurato contro Elisabetta I, la gatta riuscì ad intrufolarsi nella cella e alleviò le sue sofferenze. Alla morte della regina, i due furono liberati e il conte si fece ritrarre con Trixie sullo sfondo, in segno di gratitudine.

Siam era il gatto di Rutherford Hayes, XIX presidente americano: gli era stato inviato, come dono diplomatico, dal console americano a Bangkok. Siam fu il primo esemplare di gatto siamese a giungere negli Stati Uniti. Churchill amava moltissimo i gatti e ne ebbe diversi. Il preferito fu però Nelson, un grosso gatto grigio tigrato che partecipava anche al Consiglio dei Ministri, accoccolato su una sedia preparata appositamente per lui. White Heater (Stufetta Bianca) era la gatta d'Angora della regina Vittoria, che in suo onore organizzò la prima esposizione felina della storia, al Crystal Palace di Londra, nel 1871. (Foto: Wiki)

Per saperne di più:

- Gatti di potere (di Marina Alberghini)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Susi
0 #1 Susi 2018-01-15 18:10
*lingua anche i più potenti (umani) si fanno sottomettere da queste meravigliose creature feline che sono i gatti c07