^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

SOCIAL GROUP E RSS

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

Quando il gattino 'fa la pasta'

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

Sappiamo com'è: abbiamo il micetto in grembo, tutto va bene e poi, senza apparente motivo, lui comincia ad ‘impastare’ sulla nostra pancia. Arriva perfino a morderci dolcemente o a pungerci con gli artigli acuminati. Vediamo perché lo fa. Quando il gattino ‘fa la pasta’ esprime affetto ritornando all'epoca in cui stava disteso contro il corpo caldo della mamma e premeva sulle ghiandole mammarie con le zampette, per stimolare la poppata. Alcuni gatti addirittura sbavano, come se si aspettassero di succhiare il latte e questo atto in genere è accompagnato da sonore fusa.

Quindi, se il micetto avverte il bisogno di comportarsi così, lasciamolo fare. I morsi, invece, sono un'altra faccenda e vanno scoraggiati da subito. La ragione può essere un tentativo da parte del gatto di attirare la nostra attenzione, o l'effetto della cosiddetta petting aggression, l'aggressività da carezze. I gatti non amano le sedute di toelettatura troppo lunghe, quindi un paio di morsi sulla mano potrebbero essere un modo per dirci: ‘quel che è troppo è troppo, smettila’. Se ci punge con le unghie mentre fa la pasta in grembo, alleniamolo a ritrarle.

Accarezziamogli le zampe finché non ritira gli artigli, dicendo qualcosa come ‘piano piano’ in tono tranquillizzante, aggiungendo il suo nome. Quando ritira gli artigli, lodiamolo e diamogli un premio alimentare. Ripetiamo questo semplice esercizio quando si presenta l'occasione e vedremo che quasi certamente il micio imparerà a ritirare le unghie. Di solito ci vogliono un paio di settimane, anche se certi gatti hanno bisogno di parecchi mesi. Tutto ciò che occorre è una paziente ripetizione seguita da una ricompensa verbale e alimentare.

A volte, tra i tre e i sei mesi, il cucciolo morde perché ha problemi di dentizione. Quando comincia a mettere i denti, bisogna offrirgli oggetti adeguati, come alimenti per gatti da masticare o speciali giocattoli da mordere, disponibili nei negozi specializzati. Bisogna poi incoraggiarlo con le lodi affinché ne faccia uso. Per dissuaderlo dal provare la sua nuova dentatura su di noi, possiamo soffiargli forte sul musetto quando ci prova. Evitiamo in tutti i casi di sculacciarlo! (Foto: Pinterest)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Perla
+1 #2 Perla 2017-12-23 16:40
Il nostro dolce Enki, con i suoi 14 anni, impasta ancora a più non posso c36
 
 
Susi
0 #1 Susi 2017-12-22 21:04
Che bella foto.... ma è il tuo "gioiellino"???
Mi piace tantissimo quando i mici impastano, accompagnato da fuse poi non ne parliamo! Il suono più bello di questa terra *ridere ! Stifeli non ha perso l'abitudine di succhiare il tappettino con tutto il rituale descritto! Purtroppo lo fa cosi forte che si rompe qualche baffone *scioccato. I suoi dentini ormai mi hanno bucato parecchio, seguiro il tuo consiglio!