^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

SOCIAL GROUP E RSS

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

La quotidianità con un gatto senior

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Il gatto anziano sa bene come comportarsi dentro e fuori casa, sa come risparmiare le energie, come ottenere di più dai membri della famiglia ed è navigato come un vecchio marinaio. Nessuno riuscirebbe mai a metterlo all'angolo. Il pericolo maggiore per lui, quindi, è di essere trascurato. In realtà, accudire un gatto anziano è un'esperienza molto gratificante, poichè tra padrone e animale il rapporto si fa profondo, quasi spirituale. Non dimentichiamolo mai: un gatto anziano è sempre presente, ci osserva e comprende anche se non ce ne accorgiamo.

Lui si aspetta molto più coccole, protezione e sicurezza, soprattutto se in casa ci sono animali più giovani. La parola d'ordine per ogni proprietario è: pazienza. Il gatto è abitudinario e, proprio come le persone anziane, può diventare un po' brontolone, avere qualche idea fissa, metterci il muso e voltarci le spalle per un nonnulla. Cerchiamo di assecondarlo e, se possibile, non facciamo cambiamenti nella nostra routine quotidiana. D'altra parte prenderci più cura di lui, adesso che è avanti con l'età, sarà un ottimo modo per ricompensarlo di tutta la compagnia e il conforto che ci ha regalato per tanti anni.

DIECI REGOLE D'ORO PER VIVERE CON UN GATTO SENIOR

1. l gatto nasconde bene la malattia. Facciamo attenzione ad ogni minima alterazione del suo normale comportamento, non sottovalutiamo alcun sintomo, anche se temporaneo.

2. Se miagola con insistenza magari desidera solo averci vicino. Accontentiamolo con tante carezze.

3. Il digiuno può essere molto pericoloso, preoccupiamoci se non mangia da più di 12 ore.

4. Un alimento che prima adorava ora non riscuote successo: proviamo ad aggiungere gradualmente dei bocconcini appetitosi.

5. Micio può patire il freddo. Prepariamogli una cuccia soffice e calda, al riparo dagli spifferi.

6. Se è abituato a dormire all'aperto ora è il momento di abituarlo a dormire al chiuso, almeno nei mesi invernali. Se non ci riusciamo prepariamo una casetta di legno imbottita di coperte.

7. Lasciamolo sonnecchiare tranquillo se lo desidera.

8. Non pensiamo di affiancargli un cucciolo scatenato. La nuova presenza sarebbe per lui un difficile problema.

9. Il suo corpo e la sua mente hanno bisogno di fare ginnastica. Stimoliamolo, senza esagerare, con nuovi giochi.

10. Un gatto anziano fa molta compagnia e chiede poco. Rafforziamo l'affetto che ci unisce con frequenti carezze, grattatine e massaggi dolci che faranno un gran bene alle sue vecchie articolazioni e al nostro cuore. (Foto: Pinterest)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Susi
+1 #1 Susi 2017-12-04 18:59
Mi piace tanto questo articolo, tutto verissimo e importantissimo . L'unica regola che ho infranto, è, come sapete, quella del cucciolo..... Struppi (16) lo ha accettato benissimo e ci gioca addirittura, Sissi-Missy-Noc i (21 passato) lo guarda abbastanza interessata e quando Stifeli esagera, lo ignora del tutto e continua la sua passeggiatina verso la cucina come se fosse niente c07