^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

SOCIAL GROUP E RSS

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

Come si forma il carattere di Micio?

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Se l'aspetto è scritto nei geni, come nasce la personalità di un gatto? Quanto è influenzata dalla natura e quanto dall'allevamento? Esistono un'infinità di sfaccettature che portano ad altrettante tipologie di carattere e personalità, tuttavia è possibile identificare due modelli di base: emotivo e reattivo o posato e tranquillo. È convinzione comune che i diversi gradi di emotività e timidezza siano dovuti a differenze ereditarie, come per esempio la quantità di adrenalina prodotta in presenza di una sfida.

Tuttavia è possibile fornire una descrizione abbastanza precisa del carattere di alcune razze: il Siamese è considerato socievole, affettuoso, sensibile e vocale; il British Shorthair pacato e gentile; il Burmese è risoluto ed estroverso; il Persiano placido e molto tranquillo. Ciò implica una certa ereditarietà di queste caratteristiche. Alcune ricerche hanno voluto esaminare l'influenza del padre sulla personalità dei cuccioli: poiché il genitore non aveva avuto niente - o quasi niente - a che fare con la loro educazione, si poteva capire quanto forte fosse l'eventuale influenza genetica.

Il risultato è stato che padri spavaldi danno vita a cuccioli spavaldi, e padri più riservati a cuccioli altrettanto schivi. È possibile che lo stesso accada con la madre, che inoltre condiziona il comportamento dei cuccioli fin dalla nascita, poiché è proprio da lei che imparano ad interagire con l'ambiente che li circonda e con propri simili. Altri studi hanno messo in luce aspetti più specifici della personalità tramite la descrizione soggettiva del carattere di un singolo individuo. Ai proprietari è stato chiesto di indicare la presenza o la mancanza di taluni tratti, fra cui alcuni legati nello specifico alle reazioni dell'animale in presenza di suoi simili o dell'uomo: era spaventato, espansivo, calmo oppure ostile?

Altre osservazioni riguardavano eccitabilità, agilità, curiosità, tensione, capacità vocale e circospezione. I dati raccolti hanno permesso ai ricercatori di delineare l'interpretazione che l'uomo attribuisce agli elementi fondamentali della personalità del gatto. Valutazioni di questa natura non permettono di determinare norme ben precise, tuttavia sono indubbiamente utili per illustrare la complessità e la diversità dei tratti di micio. D'altra parte questa è solo metà della storia, poiché anche i comportamenti acquisiti e i piccoli vezzi tipici di ogni rapporto gatto-padrone contribuiscono a fare di ogni Micio un individuo unico. (Foto: Pinterest)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Perla
0 #2 Perla 2017-11-11 16:48
In conclusione.... ogni gatto è un mondo!! c05
 
 
Susi
0 #1 Susi 2017-11-10 14:16
Interessante... .per il momento il nostro Geronimo Stifeli è spavaldo e ladro, Vediamo come si sviluppa c11