^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

SOCIAL GROUP E RSS

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

Una vecchiaia serena

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Il gatto, proprio come noi umani, ha tratto un enorme beneficio dal progresso delle cure mediche e oggi può condurre una vita non solo più lunga ma anche in ottima salute. Ciò significa che, insieme a un genitore anziano, molti di noi hanno anche un Micio ormai avanti con gli anni o disabile di cui prendersi cura. A due o a quattro zampe, gli anziani sanno rivelarsi molto esigenti e, di tanto in tanto, piuttosto difficili da gestire... anche se, a mio modesto parere, i gatti anziani si lamentano di meno...

Dato che un tempo l’alto tasso di mortalità felina entro i dieci anni di età era dovuto a malattie infettive, si ritiene che la ragione più ovvia delle migliori condizioni di salute dei gatti sia la pratica della vaccinazione, seguita dalla sterilizzazione. Costrette a partorire tre o quattro volte all’anno, le femmine non vivevano certo a lungo. È accaduto a Molly, una femmina tigrata che ha partorito per due volte nel giro di pochi mesi perché i proprietari l’hanno fatta sterilizzare in ritardo. La poverina è letteralmente morta di sfinimento poco dopo aver messo al mondo la seconda cucciolata.

I maschi non castrati prima o poi contraevano malattie anche molto pericolose come il virus dell’immunodeficienza felina (FIV), di facile trasmissione durante i litigi ma anche durante l’accoppiamento perché, come sappiamo, a un certo punto il maschio morde la femmina sul collo. La sterilizzazione di entrambi i sessi ha quindi diminuito le nascite incontrollate e indesiderate e contribuito in modo concreto a salvare la vita di chi ne è stato oggetto.

Per Micio, proprio come per noi, con l’età tutto comincia a rallentare. Spesso si sente dire che i gatti vivono più a lungo dei cani perché fanno poco o niente! Di certo dormono molto. C’è chi ha studiato le abitudini di un esemplare anziano per ventiquattro ore, trovandosi a lottare col sonno mentre il gatto ha continuato a dormire serafico per ben sedici ore! Le migliori condizioni di vita e le maggiori cure hanno fatto sì che gatti con un’età compresa fra i dieci e i diciannove anni siano ormai molto diffusi e che gli esemplari di oltre vent’anni non siano poi così rari.

Secondo il The Guinness Book of Pet Records (opera dedicata ai record degli animali domestici e pubblicata negli anni Ottanta) la gatta più longeva è stata Ma, che è arrivata alla bellezza di trentaquattro primavere (e cinque mesi). Il «Daily Telegraph» ha indetto un’indagine fra i lettori e la palma del vincitore è andata a una gatta che viveva in una fattoria e aveva trentadue anni. Secondo l’associazione britannica no profit Feline Advisory Bureau (di cui consiglio caldamente il sito online, in inglese, all’indirizzo www.fabcats.org) è possibile fare una sorta di equivalenza fra gli anni umani e felini, per cui: 10 anni felini = 56 anni umani, 15 anni felini = 76 anni umani e 20 anni felini = 100 anni umani.

Di che cosa hanno bisogno i mici più anziani per continuare a vivere allegri e felici? Di un buon veterinario, ovviamente (proprio come noi abbiamo bisogno di un buon medico). Chi, quando Micio era ancora giovane, ha provveduto ad assicurarlo con una buona compagnia, stipulando un contratto che prevede cure lungo tutta la vita senza costi aggiuntivi, ora si trova nell’invidiabile posizione di non doversi preoccupare del lato economico della faccenda.

Inutile cercare di correre ai ripari quando la vecchiaia incombe, anche se in alcuni paesi, come per esempio il Regno Unito, esistono associazioni che si offrono di curare a proprie spese gli animali di chi vive in comprovate ristrettezze economiche. Le vaccinazioni e soprattutto quelle contro le malattie infettive più comuni sono indispensabili per una vita lunga e in salute, anche per gli esemplari che vivono sempre in casa.

Certo è impossibile immunizzare Micio contro tutte le malattie esistenti, per questo un buon veterinario approfondisce prima il discorso con i proprietari. Da appuntare sulla lista anche i controlli regolari. Nel gatto la vecchiaia porta spesso con sé problemi quali ipertiroidismo e insufficienza renale, oggi facilmente individuabili. Per fortuna di Micio, poi, esami del sangue e controllo della pressione sono ormai di routine, ma in passato molti gatti hanno perso la vista per via dell’ipertensione. (Foto: Pinterest)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Nikiezorro
0 #3 Nikiezorro 2017-05-12 11:45
Zorruccio mio se la sta godendo proprio tutta! Fa ancora i suoi giretti fuori... ma ormai non può più competere coi giovincelli che sbucano da ogni parte... sa comunque ancora farsi rispettare *ridere ieri ha dato una zampata al piccolo Crodino che girava nel nostro giardino tutto baldanzoso *lingua
 
 
Perla
+1 #2 Perla 2017-05-10 09:00
La vecchiaia è sempre vecchiaia ma viverla in amore è di sicuro più rassicurante. Un buon veterinario, fortuna e tanto amore c07
 
 
Susi
+1 #1 Susi 2017-05-08 14:42
grazie per questo interessantissi mo articolo c09
Come ben dici, prima o poi ci tocca quasi sicuramente di aver un micio molto anziano in casa c07 ed è bene sapere cosa dobbiamo aspettarci.... c11 *lingua