^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

NEWS E SOCIAL GROUP

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CHI È ONLINE

Abbiamo 156 visitatori e nessun utente online

Gatti, giardini recintati e pericoli

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Micio non riconosce recinzioni o pareti come barriere invalicabili, per lui sono solo ostacoli da scavalcare e ogni gatto che si rispetti si spinge ben oltre il giardino di casa. Il gatto sceglie quali territori di caccia i luoghi in cui ha più probabilità di trovare prede adeguate, come per esempio campi appena mietuti o dove si è appena raccolto, ma anche radure formatesi in un bosco perché abbondano di topi. In campagna il territorio di un singolo esemplare può estendersi per oltre diciassette ettari durante il giorno e di notte spesso anche oltre.

Un gatto di periferia dotato di collare radiotelemetrico ha coperto addirittura ventotto ettari. Non bisogna quindi sorprendersi che il pericolo di essere investiti salga ai massimi livelli proprio durante le ore notturne. Di rado sappiamo dove sia stato Micio e quanto lontano da casa, ma non è sbagliato pensare che abbia raggiunto un campo o comunque un buon posto per cacciare. Se desideriamo che non valichi i confini del giardino di casa dobbiamo munirci di una recinzione che sia alta perlomeno un paio di metri e fatta di materiali resistenti.

Nel caso decidiamo di utilizzare una rete, è meglio sceglierla con maglie molto strette. In cima è prudente posizionare una copertura che penda verso l’interno con un’inclinazione di circa 45 gradi, in modo che Micio non riesca ad arrampicarsi. Copertura che va orientata verso l’esterno se invece intendiamo tenere lontani gli altri gatti, possibilità da non sottovalutare nelle aree con una nutrita popolazione felina. Ricordiamo però che in questo modo il nostro gatto potrebbe riuscire a scappare per poi non essere più in grado di rientrare. Chi è bravo col fai da te può munirsi di una doppia copertura.

È buona regola informarsi anticipatamente se è necessario un permesso di costruzione per la recinzione che vogliamo realizzare. Un giardino recintato a dovere tiene lontano le minacce esterne ma non protegge Micio da quelle interne, come per esempio le cisterne per la raccolta dell'acqua piovana. Se scoperte, sono relativamente sicure perché il gatto, così come riesce a caderci, è anche in grado di tirarsene fuori. Se sono coperte, invece, possono costituire un problema, soprattutto se la copertura è difettosa.

Mi è stato raccontato di un gatto Siamese scomparso e trovato solo dopo parecchie settimane, affogato proprio in una di queste cisterne. Vi era caduto quando la copertura aveva ceduto al centro ma poi si era rivelata troppo resistente per permettergli di uscire. Anche le piscine senza un'adeguata via d'uscita possono rivelarsi altrettanto mortali. Vi sono poi pericoli più subdoli. Ricordo la storia di un gatto, trovato a vagare con la testa incastrata nel coperchio di un tombino che pesava 1,3 chili, circa un terzo del suo peso. Per liberarlo si è resa necessaria un’anestesia totale, in modo da poter lubrificare il buco e sfilare la testa.

Ma un gatto può anche morire affogato nei laghetti da giardino a causa delle reti che impediscono la posa di aironi e altri uccelli. In ultimo, diserbanti e prodotti chimici possono costituire un'ulteriore minaccia per Micio, che solitamente li ingerisce leccandoseli via da pelliccia e zampe. La vita all'aperto è più ricca di piaceri ma anche di rischi. La vita in casa è meno eccitante ma anche meno pericolosa. A noi il compito di scegliere che cosa è meglio per il nostro amico. (Foto: Pinterest)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Perla
+1 #3 Perla 2017-03-27 13:56
Che tristezza per il povero micio siamese....... *piangere
Per fortuna i nostri gatti rimangono proprio vicino a casa e Enki....proprio vicino alla porta dalla quale esce *ridere
 
 
Nikiezorro
+1 #2 Nikiezorro 2017-03-27 11:07
Anche lo Zorro non va più molto distante... poi ora che è rimasto senza la sua guardia del corpo... quando esce fa dei miagoliii assurdi *sorpreso
 
 
Susi
+1 #1 Susi 2017-03-26 20:39
Mi vengono i brividi.... e mi rendo conto quanto siamo stati fortunati con i nostri animali, anche se purtroppo hanno subito qualche incidente e addirittura avvelenamento, ma si sono sempre salvati. Ora sono molto più tranquilla, Missy e Struppi non si allontanano più oltre il nostro giardino.