^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

NEWS E SOCIAL GROUP

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CHI È ONLINE

Abbiamo 233 visitatori e nessun utente online

I gatti sono soggetti a ipotermia?

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

L’ipotermia si verifica nei gatti che hanno ingerito veleno per topi (Alfa-cloralosio) e anche in quelli esposti per lunghi periodi di tempo a condizioni ambientali molto fredde, umide o ventilate. Se l'animale non è in grado di conservare la sua normale temperatura corporea, nonostante i brividi, l'attività del corpo rallenta e si ha quindi uno stato letargico e poi incoscienza. L'animale appare freddo al tatto, la sua respirazione diventa lenta e alla fine muore.

I gatti appena nati e i soggetti anziani sono particolarmente vulnerabili alle basse temperature. Se il gatto è bagnato, deve essere asciugato rapidamente e portato il più presto possibile in un ambiente caldo. Tuttavia non deve essere esposto al calore solo in alcune zone del corpo, ad esempio mettendolo vicino al fuoco del camino, o a una borsa dell'acqua calda o a una coperta elettrica, perché l'aumento improvviso della circolazione sanguigna potrebbe provocare il collasso nell’animale.

Nei casi in cui il gatto si trovi in uno stato comatoso, lo si può mettere in un bagno di acqua alla temperatura del sangue per un periodo da dieci a quindici minuti, ma poi lo si deve asciugare ed avvolgere con delle coperte. Se l'animale è in grado di bere, gli si può dare del latte caldo, ma non gli si deve somministrare dell'alcool e non si deve cercare di alimentarlo forzatamente.

I gatti possono anche essere soggetti a congelamento. Quest'ultimo può interessare la punta delle orecchie in seguito ad esposizione prolungata a temperature inferiori allo zero. Il gatto non ha sensibilità nei padiglioni inferiori delle orecchie ed è per questo che appaiono pallide e molto fredde al tatto. Se si sospetta un congelamento, bisogna applicare delicatamente dell'acqua calda, ma senza strofinare vigorosamente o fornire all'improvviso una notevole quantità di calore. Più tardi, le zone colpite possono assumere un colore rosso o, nei casi più gravi, nero. È opportuno in questi casi richiedere il consiglio di un veterinario. (Foto: Pinterest)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Susi
+1 #2 Susi 2017-02-20 17:51
Vale anche per me, Quest'inverno i nostri due vecchietti sono rimasti quasi sempre in casa, e per la prima volta abbiamo chiusa la porticina dei gatti per non farli uscire senza controllo. Grazie per questo articolo utilissimo in caso di bisogno c04
 
 
Perla
+1 #1 Perla 2017-02-20 11:09
Che ansia nel leggere l'articolo. Spero non avere mai bisogno di questi preziosi consigli *piangere