^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

NEWS E SOCIAL GROUP

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CHI È ONLINE

Abbiamo 161 visitatori e nessun utente online

Impariamo a pensare come un gatto

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Imporre a Micio di cambiare atteggiamento può rivelarsi una sfida anche molto ardua. Per noi pensare come lui è difficile e di sicuro non possediamo la sua stessa tenacia. Spesso e volentieri ci lasciamo sfuggire il momento giusto per dare un premio e siamo convinti che il gatto ci capisca molto più di quanto in realtà accade. Per esempio, spesso riprendiamo il gatto che si fa le unghie sui mobili con un «Brutto cattivo!» esclamato con tono minaccioso.

Dal nostro punto di vista si tratta di una punizione, ma un gatto sicuro di sé potrebbe anche scambiare il rimprovero per un premio: dopotutto è riuscito a ottenere la vostra attenzione, no? Smette quindi di graffiare il divano o l’armadio ma solo per il momento, perché ha ottenuto ciò che voleva (il nostro interesse), ed è pronto a rifarlo ogniqualvolta decida che è arrivato il momento che ci concentriamo su di lui. Graffiare significa ottenere ciò che si vuole.

Insegnare a eseguire un paio di comandi a un cane è relativamente facile, ma con un gatto occorrono molta più pazienza, abilità e le giuste ricompense. È difficile ma non impossibile e può rivelarsi molto divertente anche e soprattutto per un gatto di casa, il quale sarà entusiasta di mettersi all’opera dando la zampa, sedendo sulle zampe posteriori o sdraiandosi su richiesta. Addestratori in gamba sono riusciti a insegnare al proprio gatto a suonare il piano, aprire la porta e perfino a miagolare a tempo.

Mi riferisco a esibizioni casalinghe, i cui ottimi risultati spesso e volentieri sono ottenuti tramite il cosiddetto clicker training, ossia un piccolo strumento meccanico che emette suoni particolari per indicare all’animale quando sta facendo bene e quando, invece, sbaglia. In libreria esistono ormai numerosi manuali facili da seguire e, nel caso ci stiamo già chiedendo quanto tempo dedicare all’addestramento, non temiamo: Micio ci dirà quando ne ha abbastanza girandosi e andandosene via. (Foto: Pinterest)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Susi
+1 #2 Susi 2017-02-18 17:55
anche l'articolo *sorriso . Ho visto poco fà un documentario sul training con il clicker. Funziona.... ma quanta pazienza c17
 
 
Perla
+1 #1 Perla 2017-02-14 20:56
La foto è stupenda!
c36