^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

NEWS E SOCIAL GROUP

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CHI È ONLINE

Abbiamo 177 visitatori e nessun utente online

Alcune (false) credenze sui gatti

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Da millenni ammaliano e conquistano con la loro eleganza e il loro spirito indipendente: affascinanti e sinuosi, dolci e misteriosi, i gatti sono animali meravigliosi capaci di coniugare la propria natura selvatica con la vita domestica, tanto da aver battuto i cani in termini di presenza nelle nostre case. Ma nonostante questa assidua frequentazione, ancora tanto dobbiamo imparare a conoscere di queste piccole tigri da salotto, e spesso siamo tratti in inganno da interpretazioni errate circa i loro comportamenti.

Infatti, la popolarità e il successo del gatto come animale d’affezione sarebbero ancora maggiori se tuttora non sussistessero alcuni luoghi comuni che non corrispondono alla realtà: cerchiamo quindi di scoprirne e comprenderne alcuni tra i più ricorrenti.

AMANO LA SOLITUDINE

Quante volte abbiamo sentito dire che i gatti sono animali solitari, che possono vivere benissimo anche senza la compagnia degli esseri umani? È vero che i mici sono animali più discreti rispetto ai cani nelle loro manifestazioni di affetto ma non si può certo pensare di stare tutto il giorno fuori casa senza che i nostri gatti ne soffrano. Se i nostri ritmi di vita ci portano ad assentarci da casa per la maggior parte della giornata l'ideale, infatti, è adottare due gatti che possano farsi compagnia in nostra assenza. Giocheranno tra di loro e non patiranno la solidudine.

SONO OPPORTUNISTI

Si dice che i gatti siano opportunisti, che si affezionino più alla casa che alle persone: probabilmente questo preconcetto ha la sua origine in tempi passati quando era l’uomo a considerare il gatto semplicemente per la sua funzione di 'cacciatore di topi', senza instaurare con lui un rapporto affettivo. I mici allora vivevano una vita slegata dalla famiglia umana, e solo occasionalmente venivano nutriti dalle persone. Assai diversa è invece la situazione attuale in cui Micio è in tutto e per tutto un membro del nucleo familiare, accudito ed amato: amore che lui stesso ricambia con piacere.

SI CURANO DA SOLO

Anche la frase 'il gatto si cura da solo' sembra trarre origine proprio in quel passato in cui per l’uomo i mici servivano solo per una mera funzione predatoria nei confronti dei roditori e non avevano certo lo status animali da compagnia: è facile quindi comprendere come allora per i felini, non essendo accuditi, il 'curarsi da soli', il cercare di sopravvivere, rappresentava un’impellente necessità. Ben diversa è, per fortuna, la situazione attuale: i nostri mici possono ora contare su cure veterinarie costantemente aggiornate, cibo sempre a disposizione, oltre che di condizioni di vita decisamente migliori.

NON SONO OBBEDIENTI

Si dice che i gatti non siano obbedienti: di certo non si può pensare di paragonarli in questo senso ai cani, animali profondamente diversi per natura e struttura gerarchica e sociale, ma anche i mici sono in grado di rispondere ad un ordine. Tutto sta, però, nell’approccio: se si è instaurato con loro un rapporto di fiducia, fatto di comunicazione e comprensione e privo di forzature, ecco che anche Micio saprà rispondere positivamente alle nostre esortazioni. Ricordiamoci però che sarà sempre e comunque lui a concederci il lusso di essere ascoltati: secondo una ricerca giapponese condotta da Kazutaka Shinozuka e Atsuko Saito, infatti, i gatti riconoscerebbero la voce del proprietario, ma deciderebbero deliberatamente, nel caso, di ignorarla. Questo è dovuto al fatto che il Felis silvestris catus, ovvero il gatto domestico, nel corso della propria evoluzione non ha avuto bisogno degli esseri umani.

CADONO SEMPRE IN PIEDI

Questa è una convinzione molto diffusa ma purtroppo non è sempre vera. I mici sono animali molto agili e con una spina dorsale estremamente flessibile e questo ha generato l'idea che, se cadono, possano atterrare sempre in piedi. In realtà, affinché ciò succeda devono avere abbastanza spazio per potersi girare nell'aria e atterrare sulle zampe. Se la distanza da cui cadono è breve possono quindi atterrare di schiena, con possibili gravi conseguenze per la salute. Occorre quindi fare sempre molta attenzione ai loro spostamenti, anche perché la proverbiale curiosità felina porta spesso i mici, piccoli e temerari esploratori, a rischiare di mettersi nei guai.

VEDONO DI NOTTE COME SE FOSSE GIORNO

Rispetto a molti altri animali i gatti hanno una visione notturna molto sviluppata, grazie alla particolare struttura dei loro occhi. In totale assenza di luce, però, nemmeno i gatti riescono a vedere.

ODIANO L'ACQUA

È vero che in generale molti gatti non sono ottimi nuotatori e amanti dell'acqua, tuttavia è falso pensare che tutti i gatti odino l'acqua. Alcune razze, come il Turkish Van, sono piuttosto inclini a fare il bagnetto e brevi nuotate, e non è raro scorgere, anche in rete, filmati di mici 'acquatici'. Naturalmente se vediamo che il nostro gatto non è particolarmente incline all'elemento acqua è bene non forzarlo.

DEVONO BERE IL LATTE

Anche questa è un credenza molto comune. Certo, il latte è una bevanda gradita ai nostri mici ma in realtà non si tratta di un alimento così salutare per loro. La maggior parte dei gatti è intollerante al lattosio, lo zucchero contenuto nel latte, che viene digerito dall'enzima lattasi. Questo enzima, presente nei micetti ancora piccoli, piano piano scompare nei gatti svezzati e adulti. Per questo motivo il latte può causare episodi di diarrea, mal di pancia e crampi. In realtà i gatti non hanno bisogno di bere latte vaccino, meglio una bella ciotola di acqua fresca e pulita.

STERILIZZATI DIVENTANO GRASSI E PIGRI

L’importanza di scegliere la sterilizzazione del gatto l’abbiamo già trattata in questo articolo. Un gatto nutrito adeguatamente difficilmente metterà su peso. In ogni caso, se questo dovesse succedere, possiamo parlarne con il nostro veterinario. Esistono cibi di ogni tipo in commercio, anche quelli per gatti che presentano problemi di sovrappeso ed obesità. Possiamo sicuramente prevenire l’ingrassare del gatto anche semplicemente giocando con lui tutti i giorni per una mezz'ora. Il movimento fa bene anche a loro ed in più giocare insieme ed interagire farà bene anche al nostro rapporto consolidandolo ulteriormente. Spesso i gatti ingrassano solamente per colpa nostra!

FANNO LE FUSA QUANDO SONO FELICI

Questo è vero e falso. In realtà le fusa sono un fenomeno molto complesso che non è stato ancora compreso del tutto dagli studiosi, tuttavia oggi si tende a credere che esse servano a esprimere i loro sentimenti, sia positivi sia negativi. Sappiamo di per certo che i gatti fanno le fusa quando sono felici e soddisfatti, però è anche vero che i gatti spesso fanno le fusa quando sono spaventati, per auto-tranquillizzarsi. Anche le gatte che stanno per partorire emettono fusa, inoltre sembra che alcuni gatti, giunti a fine vita, facciano le fusa. (Foto: Pinterest)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Susi
0 #1 Susi 2017-01-06 13:22
complimenti per questo articolo c09