^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

NEWS E SOCIAL GROUP

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CHI È ONLINE

Abbiamo 63 visitatori e nessun utente online

'Bugie' e dispetti felini

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

È molto difficile cogliere un gatto con le zampe nel sacco, in flagranza di reato. Essi sono bravissimi a non farsi vedere quando compiono le loro malefatte. Per esempio, mentre siamo in cucina sentiamo cadere un piatto dalla tavola imbandita in tinello; accorriamo e scopriamo il pollo arrosto sparso sul pavimento e il nostro gatto - ben distante! - compostamente seduto con gli occhi semichiusi, che magari si lecca con noncuranza una zampina con un'espressione stupita e candida.

In effetti i gatti, secondo il nostro metro umano, sanno mentire benissimo e hanno una grande faccia tosta; ma il concetto di ‘bugia’ è difficile da applicare alla mentalità felina: un gatto non mente, cerca semplicemente di affrontare con dignità una situazione imbarazzante e di farsi gli affari suoi con il massimo dei benefici e il minimo del danno. Un gatto cioè non mente per disonestà ma solo per non perdere i benefici acquisiti, cercando al contempo di approfittare di ogni situazione per aumentare il suo grado di benessere.

Un'altra evidente caratteristica dei gatti domestici è la propensione al risentimento. Non sono permalosi, ma sanno manifestare assai bene il loro malcontento se li priviamo di una delle necessità considerate importanti per la loro sicurezza e il loro comfort. Per esempio, se gli imponiamo per motivi di salute una dieta rigida e poco appetitosa è facile che non ci rivolga la parola e non ci guardi più in faccia. Il manifestare la propria infelicità o insoddisfazione può andare dal semplice ‘tenere il muso’ al calo di entusiasmo nel suo rapporto con noi, a vere e proprie ripicche.

Dal punto di vista felino, però, quello che a noi sembra un dispetto può essere solo una reazione alla noia o all'ansia, magari dopo una nostra prolungata e immotivata - secondo lui - assenza. È una semplice reazione di sfogo dell'ansia provata per essere stato privato del benessere e della sicurezza che la nostra costante presenza gli dà. Potrà anche succederci di sgridare il nostro gatto per qualcosa e accorgerci che lui assume un atteggiamento apparentemente altezzoso, girandoci la schiena e non degnandoci di uno sguardo, rifiutandosi anche di rispondere al nostro più saudente richiamo.

In realtà con questo atteggiamento - che si definisce di esclusione - il gatto vuole dignitosamente evidenziare il suo stato di inferiorità senza per questo apparire sottomesso: se si voltasse e ci guardasse in faccia (secondo il metro di giudizio felino) potrebbe essere interpretato come una pericolosa sfida verso di noi così giganteschi e potenti, e se rispondesse al richiamo rischierebbe di mettere in pericolo la sua incolumità, visto che lo stiamo guardando fisso con quegli occhi così minacciosi; infine, lo scappare a nascondersi da qualche parte rappresenterebbe una resa troppo umiliante. Si limita così a voltarci le spalle e a non rispondere ai nostri richiami; escludendoci dalla sua vista riduce la paura che ha di noi in quel momento e può fare a meno di fuggire. (Foto: Pinterest)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Nikiezorro
+1 #3 Nikiezorro 2016-12-04 12:09
Grazie! c28
 
 
Susi
+1 #2 Susi 2016-12-03 22:11
Complimenti anche da me per questo articolo che ho letto ridendo, in compagnia di Struppi che in questo momento sta russando da innocente puro, e pensando ai comportamento dei nostri mici tanto birichini *lol c39 c07
 
 
Perla
+1 #1 Perla 2016-12-03 10:42
Ho letto l'articolo con molto interesse e con un perenne sorriso *ridere . Brava, bravissima Niki!! c28