^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

NEWS E SOCIAL GROUP

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CHI È ONLINE

Abbiamo 152 visitatori e nessun utente online

Pericoli dentro casa per Micio

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Una delle cause di morte più frequenti dei gatti che hanno la possibilità di uscire è il traffico stradale. Per molti proprietari questo è un buon motivo per rinchiudere i propri animali in appartamento, ritenuto più sicuro. Ma anche qui non sono completamente immuni da tutti i pericoli. Il micio «Fire» ha avuto fortuna nella sfortuna. Provando ad uscire dalla finestra ribaltata è rimasto incastrato nella fenditura. I suoi disperati tentativi di liberarsi non sono serviti a nulla al contrario continuava a scivolare sempre più verso il basso.

Per fortuna la sua padrona si è accorta presto della situazione senza via d’uscita. Dopo aver liberato il suo micio lo ha immediatamente portato in una clinica per animali. Il veterinario curante ha costatato che Fire soffriva d’ipotermia, tachicardia e respiro affannoso. Alla palpazione Fire mostrava dolore al tronco. Anche la muscolatura della coscia era dolorante e indurita. Inoltre il micio presentava una paralisi alle zampe posteriori. Per fortuna la radiografia non ha rivelato esiti abnormi ed anche i valori ematici sono risultati nella norma.

Fire è stato curato con anti-dolorifici e gli è stata somministrata un’infusione. Dopo due giorni di degenza nella clinica, Fire stava già molto meglio ed è potuto tornare a casa. Alla visita di controllo effettuata dopo due settimane è apparso nuovamente in salute. Fire se l’è cavata bene, ma poteva finire davvero peggio: infatti, a dipendenza di quanto un gatto rimane incastrato, di quanto sia profonda la fenditura della finestra e di quanto si dimeni nel tentativo di liberarsi possono insorgere diverse ferite, di norma mortali.

Spesso compaiono contusioni ai reni e alla vescica. Possono anche presentarsi delle ferite interne e la maggior parte delle volte gli animali si trovano sotto shock. A causa dell’insufficiente apporto ematico ristretto dei vasi sanguigni schiacciati, possono venir danneggiati nervi e muscoli, condizione che porta alla paralisi del treno posteriore. Qualora non si riuscisse a liberare il gatto per tempo o le sue lesioni risultassero troppo gravi, non resta che liberarlo dalle sue sofferenze.

IL PROBLEMA DEI VASISTAS

Le finestre a ribalta rappresentano in casa un pericolo per i gatti da non sottovalutare. Cosa bisogna fare allora per assicurarsi l’aria fresca, senza spalancare la finestra? Alcuni negozi specializzati offrono particolari grate da fissare con viti alle finestre. Per i proprietari di appartamenti quest’istallazione non è sempre possibile. Alla ricerca di sistemi alternativi, la PSA ha condotto un’inchiesta presso i fabbricanti di finestre. Diverse ditte offrono prodotti alternativi come ad esempio limiti di apertura. Grazie a questo sistema, l’apertura è minima e il gatto non riesce in alcun modo a introdursi. Altre varianti sono le cosiddette scorrevoli parallele, nelle quali il battente totale della finestra viene spinto verso l’interno. Anche ventilatori a fessura, per i quali la finestra lascia aperta una fessura, senza venir ribaltata, sono una possibile soluzione. Anche una rete stabile per gli insetti può essere un’alternativa. Su richiesta, è possibile ricevere dalla PSA una lista dei fabbricanti di finestre che offrono queste soluzioni.

CACCIA IMPREVEDIBILE

Non solo la finestra ribaltante, ma molti altri pericoli si nascondono nelle nostre case. Per esempio i balconi rappresentano per i gatti d’appartamento uno svago benvenuto. Se però questi si appollaiano sul parapetto o vogliono salirci con un balzo, può diventare pericoloso. Se la ringhiera non offre nessun punto debole per gli artigli del gatto, l’animale in alcune circostanze può perdere la presa e precipitare. A volte anche il solo istinto di caccia può essere fatale: nel tentativo di acchiappare un insetto volante gli animali spesso cascano dalla ringhiera. Per tale motivo i «gatti volanti», come vengono chiamati nel gergo veterinario, riportano spesso ferite agli arti o fratture delle mandibole. A volte può capitare anche la rottura del diaframma. A seconda del comportamento del gatto e del tipo di balcone, vale la pena installare una rete per gatti. Per i giovani gatti bisogna usare una rete più fitta poiché la loro testa potrebbe passare attraverso e rimanere incastrata nelle usuali maglie di 4 cm.

IL NECESSARIO DA CUCITO NON È UN GIOCATTOLO

Nell’appartamento vale la pena avere un occhio vigile anche sui giocattoli: per i gatti, al contrario dei cani, mordicchiarli o addirittura ingoiarli può risultare fatale. Possono presentarsi dei problemi quando i gatti giocano con dei fili sciolti e li inghiottiscono. Nel migliore dei casi, quest’ultimi vengono semplicemente eliminati, ma possono rimanere impigliati nello stomaco, nell’intestino o sulla lingua, come accade in particolare quando al filo è ancora attaccato un ago che vi si infilza. L’intestino in continua contrazione alla fine si avvolge a fisarmonica al filo fisso. In tal modo, la parete dell’intestino si ferisce e la parte lesa muore con il tempo. Questi corpi estranei lineari, come vengono chiamati nel linguaggio professionale, sono molto pericolosi per l’animale e si rende necessario intervenire chirurgicamente. Non bisogna pertanto lasciare in giro fili sparsi. Si deve prestare attenzione anche ai fili d’argento dell’albero di Natale.

VELENI IN CASA

Anche Il tema dell’avvelenamento preoccupa sempre i proprietari: messi a confronto però con le numerose malattie, gli avvelenamenti sono piuttosto rari. Uno studio del centro svizzero d’informazione tossicologica mostra che durante 10 anni sono stati documentati 391 casi d’avvelenamento di gatti. I veleni più frequenti sono preparati veterinari o di medicina umana, pesticidi, prodotti domestici e piante, tra le quali la più pericolosa è il giglio. Anche la stella di natale e i narcisi possono essere velenosi. I proprietari di animali da compagnia ai quali piace particolarmente mordicchiare, dovrebbero tenere queste piante lontano dalla loro portata.

Ovviamente non si può essere pronti ad ogni eventualità e non si possono isolare gli amici a quattro zampe allo scopo di proteggerli. Ma prevenire è meglio che curare e con un occhio vigile si può evitare la maggior parte dei pericoli domestici. (Foto: Pinterest)

Fonte

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Perla
0 #2 Perla 2016-10-30 16:00
Quando mi capita di fare visite preadozione per gatti insisto tanto su finestre e lavatrici. In effetti il filo è un nemico di cui non sempre mi ricordo eppure so di una gattina salvata in extremis con un'operazione. Grazie per questo prezioso articolo e consigli c28
 
 
Susi
+2 #1 Susi 2016-10-21 17:48
Menomale una buona stella ha protetto i nostri animali dai vari pericoli in casa. E' comunque buono a sapersi sempre tenuti informati, grazie Niki c09