^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

NEWS E SOCIAL GROUP

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CHI È ONLINE

Abbiamo 224 visitatori e nessun utente online

Le fasi cruciali dello sviluppo del gattino

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Seppur amanti dei felini, pochi di noi si dedicano all'allevamento, tuttavia è utile sapere, perlomeno a grandi linee, come i gatti tirano su la prole. Un cucciolo che cresce lontano dalla mamma e dai fratellini faticherà ad imparare a comportarsi da gatto, così come non imparerà ad essere un affettuoso animale di casa senza l’adeguato e precoce contatto con l'uomo. Un'infanzia disfunzionale crea un adulto disfunzionale. Ciò che il cucciolo impara nelle prime otto settimane lo accompagnerà per tutta la vita.

Nella gatta l'istinto materno è innato e molto forte perché solo così si garantisce la sopravvivenza della specie. I piccoli sono allattati per cinque o sei settimane ed è una meraviglia osservarli mentre succhiano il latte, magari premendo con le zampine sulla pancia della madre e facendo le fusa. Se non si vuole che diventino selvatici, in questo periodo è molto importante toccarli delicatamente e prenderli in braccio con regolarità, in modo che si abituino alla convivenza con gli esseri umani.

Se non s’instaura questo rapporto nelle prime sette settimane di vita, i gattini tenderanno a essere degli adulti più chiusi e riservati. È fondamentale non separarli mai prima delle dodici settimane di vita da mamma gatta perché ne va del loro sviluppo sia fisico che emotivo. È anche importante che le madri, già abituate a convivere con l’uomo, insegnino ai loro piccoli a sentirsi a loro agio in presenza di individui che potrebbero apparire potenzialmente come temibili predatori.

In natura verso le tre settimane la madre inizia a portare ai gattini dapprima prede morte e poi vive per insegnare loro a cavarsela da soli. Dopo ancora qualche tempo la mamma permetterà ai piccoli di partecipare alla caccia ed assestare il colpo finale alla preda. Nel momento in cui i gattini avranno appreso tutte queste tecniche (intorno alle 8-10 settimane), saranno in grado di procacciare il cibo da soli e il compito della loro mamma sarà concluso.

Lo svezzamento inizia con la comparsa dei denti, intorno alla quarta settimana. La madre spesso allontana i piccoli per insegnare loro che non sempre si può avere ciò che si vuole, una lezione da cui imparano anche a gestire la frustrazione. Se il micino apprenderà presto a dipendere da noi per il cibo, la protezione e il calore domestico, ci considererà per tutta la vita alla stregua di una madre e costruirà con noi un rapporto di affetto reciproco. (Foto: G+)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Perla
+1 #2 Perla 2016-09-27 15:29
Complimenti Niki! Articolo davvero completo e foto meravigliosa! c11
 
 
Susi
0 #1 Susi 2016-09-26 14:27
c28 c11 c05