^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

NEWS E SOCIAL GROUP

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CHI È ONLINE

Abbiamo 235 visitatori e nessun utente online

Anche Micio sa amare... a modo suo

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Il gatto esprime l'affetto in modo diverso dal nostro. Se osserviamo due gatti che sono amici, noteremo che si avvicinano e si annusano sul naso per qualche istante, poi talvolta intrecciano le code e camminano insieme per qualche passo. Condividono la stessa cuccia, certo, ma per il resto esprimono i propri sentimenti in brevi e poco intensi attimi. Noi umani adoriamo prendere in braccio i gatti e coccolarli, ma per loro questo approccio è fin troppo veemente e prolungato.

Detestano essere tenuti fermi senza possibilità di andarsene quando vogliono, ed è vero che molte persone inseguono letteralmente il proprio gatto per casa. Così facendo, però, si ottiene solo di innervosire e soprattutto spaventare l’animale, che entra in ‘modalità fuga’. Il gatto teme l’uomo che insiste nel dargli il tormento. Apprezza, invece, chi si mostra capace di ignorarlo finché non è lui stesso a dar segno di voler un contatto fisico. Ecco spiegato perché si dimostra molto interessato a chi i gatti non li sopporta!

Queste persone, a suo modo di vedere, danno prova di padroneggiare il galateo felino alla perfezione: non lo cercano per accarezzarlo, lo ignorano fin quando non è lui a saltare loro in grembo. Se il nostro gatto non mostra di apprezzare il contatto fisico, l'unica soluzione è smettere di assillarlo alla disperata ricerca di un affetto che comunque non dimostrerà. Non prendiamolo in braccio, non mettiamocelo in grembo e smettiamo di accarezzarlo di continuo. Evitiamo di fissarlo dritto negli occhi, neppure se lo facciamo con immenso amore perché uno sguardo diretto è sinonimo di minaccia.

Dobbiamo farci desiderare, anche se ne faremmo volentieri a meno. Lasciamolo in pace e permettiamo che sia lui a scegliere se e quando avvicinarsi. Una piccola rinuncia che sul gatto ha uno straordinario effetto calmante. Nel caso di un esemplare particolarmente scontroso potrebbe occorrere molto tempo, ma di solito un gatto che sa di poter scegliere alla fine si dimostra molto più amichevole. Forse non ci salterà mai in grembo, ma perlomeno ci starà vicino e dimostrerà di apprezzare la nostra compagnia. (Foto: Pinterest)

ARTICOLO SUGGERITO:

- Micio affettuoso e Micio scontroso

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Perla
0 #2 Perla 2016-09-12 23:19
L'articolo sembra fatto su misura per Ninive *fischiettare *ridere
È lei e sempre lei a decidere i momenti di tenerezza ma va bene così.
Per contro Enki - tranne prenderlo stretto in braccia - passerebbe la giornata a prendere coccole e le apprezza anche se sta dormendo della grossa. Tipico bianco e nero *divertente ..come il bellissimo della foto.
 
 
Susi
0 #1 Susi 2016-09-04 20:36
Ottimo articolo Niki, ho proprio dovuto imparare a gestire una situazione con micini moooolto timidi in tal senso. Avrei voluto aver letto il tuo articolo all'inizio visto che i miei mici erano tutti docili e coccoloni già da subito.
PS: il micio sulla foto è meraviglioso e mi fa sognare dei tempi con Silly-Silvestro c07