^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

NEWS E SOCIAL GROUP

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CHI È ONLINE

Abbiamo 74 visitatori e nessun utente online

Come liberare Micio dai parassiti interni

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Esistono vari tipi di parassiti che possono colpire il gatto creando fastidi e infezioni: quelli che vivono dentro e quelli che vivono fuori dal suo organismo. Fra i parassiti interni, che a volte infestano Micio, ci sono alcuni tipi di vermi. I più importanti sono quelli che si annidano nel tratto intestinale e spesso, sotto forma di larve, in altri organi. Fra questi ci sono gli ascaridi, la tenia (o verme solitario), i tricocefali, i nematodi, gli anchilostomi e i dicroceli. Alcuni vermi adulti, come gli anchilostomi e i tricocefali, succhiano il sangue.

Le tenie non succhiano il sangue, si limitano a rubare un po' di nutrimento del gatto. Le larve di ascaridi possono infestare il gattino mentre è ancora nel grembo materno e sono presenti anche nel latte della mamma. Una volta nell’organismo, le larve migrano attraverso il fegato, il cuore e i polmoni, per raggiungere l’intestino, provocando danni e disagio. Ecco perché i gattini ne soffrono più degli adulti e possono ritrovarsi in cattiva salute, anemici e con la pancia gonfia, oltre che sofferenti di costipazione e diarrea.

Le tenie in genere non danno sintomi, se non fenomeni di flatulenza e un po' di irritazione, quando i segmenti del parassita vengono espulsi con le feci. Di solito, il solo segnale che noteremo nella tenia sono alcuni di tali segmenti, simili a granelli di riso bollito, attaccati al pelo nella zona anale del micio. Se sospettiamo che il gattino abbia i vermi, portiamolo subito dal veterinario.

Un altro tipo di parassita interno è un piccolo protozoo che, come il parassita della malaria negli esseri umani, vive nei globuli rossi. Anche se talvolta è presente solo in piccole quantità e non provoca sintomi, quando invade massicciamente il sangue, distrugge i globuli rossi e provoca l’anemia felina infettiva. Se in forma leggera, questa malattia può essere curata con successo dal veterinario. Ma a volte si presenta insieme alla leucemia felina, e in questo caso la prognosi è più seria.

Possiamo mantenere il gatto libero da parassiti seguendo queste misure preventive:

- somministriamogli un vermifugo regolarmente per tutta la vita;
- evitiamo che mangi animaletti selvatici, portatori di parassiti;
- manteniamolo pulito e usiamo prodotti antipulci:
- cambiamo e laviamo regolarmente le cucce del gatto, per evitare che si annidino parassiti.

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Susi
0 #1 Susi 2016-06-07 12:51
Come sempre i tuoi consigli sono perfetti c09