^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

NEWS E SOCIAL GROUP

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CHI È ONLINE

Abbiamo 65 visitatori e nessun utente online

Gli istinti felini vanno accettati

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Abilissimo cacciatore il gatto non si lascia sfuggire nulla che si muove. Bighellonare, mangiare e dormire sono attività da svolgere nella sicurezza delle pareti domestiche, ma la caccia ha bisogno di un proprio terreno che, per quanto sicuro, non deve necessariamente essere protetto quanto la casa. Capita che gatti che non vivono insieme condividano lo stesso terreno di caccia, con la tacita intesa di non impicciarsi degli affari altrui e di tenersi a prudente distanza.

Occorre sapere che il terreno di caccia non è composto da un’unica area circoscritta, come per esempio un campo, bensì da una serie di passaggi che conducono in diverse zone e insieme compongono, appunto, il territorio di caccia in cui dare libero sfogo all’istinto. Non di rado i gatti che ne condividono uno in ‘multiproprietà’ si organizzano per frequentarlo ad orari diversi.

Il nostro gatto potrebbe decidere di eleggere il giardino di casa a propria riserva di caccia, o magari di spingersi nei campi o nei boschi dall’altra parte della strada. Esemplari giovani e particolarmente baldanzosi spesso preferiscono allontanarsi anche di molto, dando vita a un’equazione in cui la distanza è direttamente proporzionale al coraggio… e ai pericoli che comporta. Molti proprietari ammettono di non avere la più pallida idea di dove vada il proprio gatto quando sparisce anche per ore.

Sessualità, riproduzione e maternità, insieme a caccia e voglia di tenersi lontano dai guai sono gli istinti che più di tutto rendono il gatto quello che è: un’affascinante tigre in miniatura. Ignorandone, contrastandone o frustrandone l’essenza, otterremo solo un animale infelice e stressato. Cerchiamo invece un punto di incontro e ci troveremo accanto un compagno di vita appagato, felice e tranquillo. (Foto: Pinterest)

ARTICOLI SUGGERITI:

- Il cacciatore 'professionista'

- Gatti e uccellini

- Quanto cacciano i gatti domestici?

- Come impara il gatto a cacciare

- Un gatto ben nutrito non va a caccia?

- Perchè il mio gatto fa così?

Accedi o registrati per poter commentare.