^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

NEWS E SOCIAL GROUP

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CHI È ONLINE

Abbiamo 99 visitatori e nessun utente online

Microchip e targhette

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

In caso di scomparsa, l’unica cosa che può aumentare le possibilità di ritrovare il nostro gatto è averlo dotato di una forma di identificazione affidabile. La forma migliore di identificazione dell’animale è il microchip. Questo piccolo dispositivo può letteralmente salvare la vita di Micio in caso di sparizione. A meno che non si tratti di una 'piccola tigre', nel qual caso potrebbe essere richiesta una leggera sedazione, l’inoculazione del microchip avviene col gatto sveglio.

Il veterinario inserisce il microchip, che ha all’incirca le dimensioni di un chicco di riso, sotto la pelle del gatto, di solito tra le scapole, tramite una specie di grande ago. La procedura è rapida e praticamente indolore come una vaccinazione. Successivamente la posizione del chip può facilmente essere individuata toccando dolcemente la cute in quell'area; la posizione rimane fissa dato che il dispositivo è avvolto da strati sottili di tessuto connettivo che vi si formano dopo l'impianto.

La maggior parte dei rifugi e delle cliniche veterinarie sono dotati di scanner per identificare gli animali smarriti che sono stati microcippati. I dati del padrone vengono registrati sul chip e vanno aggiornati in caso di cambiamenti. Il numero del microchip, infatti, può aiutarci a ricongiungerci col nostro gatto solo se i dati sono corretti.

Teniamo conto che la maggior parte dei gatti che si smarriscono vengono ritrovati da persone che non dispongono di scanner per il microchip. Ecco perché è raccomandato vivamente di applicare il microchip per avere uno strumento di identificazione permanente, ma è anche consigliato di assicurarci che il gatto porti sempre al collo una targhetta.

Se qualcuno dovesse investirlo (un’eventualità purtroppo frequente per gli animali liberi di vagabondare) una targhetta farà almeno in modo che non stiamo a chiederci se mai Micio tornerà a casa. È una ben magra consolazione ma, conoscere il destino del nostro amico, è molto meglio che trascorrere mesi e mesi nell’incertezza. (Foto: Pinterest)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Susi
+1 #1 Susi 2016-04-20 20:44
Non oso immaginarmi l'infinito dolore di chi ha perso un animale senza mai sapere che fine ha fatto. Dovesse arrivare ancora un micio da noi, il microchip sarebbe d'obbligo e penserei addirittura al GPS. Menomale oggi abbiamo queste possibilità!