^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

NEWS E SOCIAL GROUP

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CHI È ONLINE

Abbiamo 111 visitatori e un utente online

Far accettare l’arrivo di un cane a Micio

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Naturalmente, a volte il nuovo arrivato non è il gatto, ma il cane! Se pensiamo di far entrare un cane nella routine del nostro micio, prendiamoci inizialmente un po’ di tempo per preparare il nuovo ambiente. Ci sono alcuni cambiamenti da effettuare un paio di settimane prima di portare a casa un cucciolo o un cane adulto, in modo che il micio si possa abituare gradualmente. Innanzitutto, diamo un’occhiata alle ciotole di cibo e acqua del gatto: sono in un punto che il cane potrebbe raggiungere?

Poiché il mangime per gatti ha un maggior contenuto di proteine di quello per cani, spesso Fido lo considera una golosità. Tuttavia non è adatto ai cani, e il nostro micio potrebbe non avere nessuna voglia di dividerlo. Quindi spostiamo le ciotole in un punto dove il gatto possa mangiare senza essere disturbato.

E che dire della cassetta igienica? Anche in questo caso, accertiamoci che sia in un punto al sicuro dal cane, per la pace del gatto ma anche per impedire che Fido indulga in un pericoloso vizio canino: mangiare le feci feline. Una cassetta coperta può essere la soluzione, ma l’idea migliore è organizzare la zona in modo che il cane non si possa avvicinare. Il metodo da usare dipende dalle dimensioni dell’animale. Mettere una gattaiola alla porta di una stanza che non usiamo tiene fuori i cani di grossa taglia. Mettere la cassetta igienica nella vasca di un bagno degli ospiti che non usiamo spesso terrà a bada la maggior parte dei cani.

Non permettiamo che il cane insegua il gatto: teniamo Fido al guinzaglio per correggere questo comportamento fin dal principio. Non dobbiamo costringere il gatto a interagire col nuovo arrivato: lasciamo che gestisca l’intruso a modo suo e con i suoi ritmi.

Anche se non ci sembra giusto, perché il gatto è arrivato per primo, se reagisce male allo stress (per esempio non usa la cassetta) potremmo dover riprendere i metodi di presentazione - durante il processo di acclimatazione - e dover tenerlo chiuso in una stanza sicura con il suo cibo, l’acqua, la cassetta igienica, il tiragraffi e i giocattoli, e procedere in questo modo:

- prendiamo il nostro gatto e mettiamolo nel trasportino, poi sistemiamolo in un locale sicuro. Facciamo quindi entrare il cane tenendolo al guinzaglio e lasciamo che i due si diano un’occhiata. Poi facciamo uscire il cane, chiudiamo la porta della stanza e lasciamo che il gatto esca dal trasportino quando è pronto a farlo. Se da principio non vuole farlo, lasciamolo in pace, tenendo però lo sportellino aperto e uscendo dalla stanza. Verrà fuori quando si sentirà pronto. Teniamo i due animali separati per una decina di giorni circa, dando a entrambi affetto e gioco. Poi un giorno, con noi in zona a sorvegliare, lasciamo aperta la porta della stanza del gatto. Non costringiamoli a stare insieme. Per un paio di settimane permettiamo che gli animali si abituino ai rispettivi odori, possiamo anche mettere un cancelletto per bambini alla porta della stanza sicura in modo da tenere il cane fuori. Sarà il gatto a scegliere il livello di interazione. Non bisogna tollerare atteggiamenti aggressivi da parte del cane. Teniamolo al guinzaglio fino a quando tutti non si sono calmati. La negoziazione dei rispettivi territori può essere una faccenda prolungata e delicata, e dobbiamo lasciare che la gestiscano da soli, ignorando soffi, ringhi e occhiatacce.

Nell’effettuare la scelta di un cane da affiancare al nostro micio di casa, assicuriamoci che sia già abituato ai gatti oppure che appartenga a una razza adatta alla convivenza. Meglio evitare, per esempio, levrieri e cani da caccia. Evitiamo sempre di lasciarli da soli fino a quando non li vedremo entrambi tranquilli in presenza l’uno dell’altro. Alcuni cani e gatti mantengono una tregua armata, altri diventano grandi amici. Tuttavia queste cose richiedono tempo, quindi armiamoci di pazienza! (Foto: Google+)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Susi
0 #2 Susi 2016-02-18 20:04
Ho letto con molto interesse anch'io. Mi sono trovata così spesso in queste situazioni. Anche a noi, per fortuna, e sempre andata bene, solo il nostro Polli è proprio un birichino, se crede che io non vedo, corre dietro ai nostri poveri anzianotti.... ma grazie al cielo a loro non importa e non scappano. Cosi Polli resta assai sorpreso e credo un pò male per il poco rispetto dei mici *lingua
 
 
Perla
+3 #1 Perla 2016-02-15 10:51
Molto utile e interessante l'articolo scelto. Complimenti Niki! c09
A noi è sempre andata bene ma i primi tempi sono sempre molto impegnativi. I risultati davvero gratificanti!