^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

NEWS E SOCIAL GROUP

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CHI È ONLINE

Abbiamo 126 visitatori e nessun utente online

Guerre di confine

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Difficile credere che il nostro micetto possa farsi coinvolgere in qualcosa di tanto volgare come una zuffa. Purtroppo, però, le divergenze di opinione sorgono anche nelle migliori famiglie, e quando sarà il momento dovremo essere pronti a soccorrerlo. I gatti non vanno in cerca di guai. Preferiscono evitare lo scontro e, saggiamente, hanno sviluppato sistemi di comunicazione che informano i loro simili delle loro intenzioni e desideri, in modo da disinnescare un possibile alterco.

Quando capitano scaramucce, in genere è per motivi territoriali, in particolare se ci sono di mezzo gatti del vicinato. Il problema può estendersi a macchia d'olio, coinvolgendo un gran numero di animali e, inevitabilmente, vi vengono trascinati anche i proprietari, in un antipatico circolo vizioso. Se noi e il nostro gatto ci troviamo in questa situazione, forse non sarà sufficiente adottare misure deterrenti contro i gatti estranei che invadono il giardino ed entrano nella gattaiola di casa.

Di certo, possiamo prendere provvedimenti come schizzare l'intruso con una pistola ad acqua. Presto imparerà la lezione. Ma i gatti sono intelligenti e, finché siamo presenti in casa, eviteranno illecite intrusioni. Stratagemmi come spruzzatori d'acqua o segnali sonori che si attivano quando il proprietario è assente sono più efficaci. Ma facciamo attenzione a non ferire l'intruso. A volte le guerre feline intorno a casa possono raggiungere un livello per cui è necessaria la collaborazione di un gruppo di vicini.

L'ideale sarebbe che tutti i proprietari capissero l'importanza di fare della propria casa una base confortevole e sicura, in cui il micio si senta trattato bene e venga sfamato, e dove abbia piacere di fare ritorno. All'inizio, si può fare in modo che un gatto del vicinato venga tenuto in casa, mentre l'altro viene liberato e viceversa. Questi accordi funzionano se le persone dimostrano buona volontà. (Foto: Pinterest)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Perla
+1 #1 Perla 2015-10-19 23:41
L'articolo è molto interessante e la foto meravigliosa ma immagino sia molto difficile applicare l'ultimo punto!