^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

NEWS E SOCIAL GROUP

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CHI È ONLINE

Abbiamo 103 visitatori e nessun utente online

Come rendere perfetto il mantello di Micio

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Uno splendido mantello felino è motivo di orgoglio sia per il gatto che per il proprietario. È lucido e splendente, attira l’attenzione, è morbido al tatto e il micio se lo cura come il suo gioiello più prezioso. Non ha torto: la sua pelliccia lo difende dal freddo ma anche dal caldo e per assolvere questo compito deve sempre avere ogni singolo pelo al suo posto perché altrimenti si creerebbero piccole aree in cui l’aria penetra. Noi, d’altro canto, possiamo dargli una mano. Una spazzolata bella vigorosa è quello che ci vuole per far cadere il pelo superfluo.

Se il gatto ha una pelliccia di lunghezza media o lunga, poi, è proprio indispensabile poiché, anche se i felini si tengono puliti da soli, viste le ingenti quantità di pelo morto che rimangono impigliate nella pelliccia, perfino loro possono fare fatica ad assolvere il compito. Per il micio a pelo corto è sufficiente usare una spazzola per felini da passare a partire dalla testa in direzione della coda, almeno una volta a settimana. Solitamente l’operazione è molto gradita e non risulta difficile.

Per il micio a pelo lungo o riccio invece bisogna fare maggiore attenzione: prima si spazzola approfonditamente con un pettine a denti larghi al fine di sciogliere eventuali nodi. Poi si ripete l’operazione con la classica spazzola da gatti. Dopo questa prima fase, si può procedere a indossare dei guanti di gomma per accarezzarlo e raccogliere così tutto il pelo morto ancora impigliato nel mantello. La direzione è sempre dalla testa verso la coda. Di tanto in tanto possiamo aiutiare il nostro micio a tenere il mantello pulito grazie a un bel bagnetto.

Non tutti i gatti amano l'acqua ma del resto, pur essendo un animale molto pulito e attaccato all’igiene, anche a lui capita di impolverarsi e sporcarsi, specialmente se può uscire di casa. Quindi sì al bagnetto in apposita vaschetta, con prodotti a lui dedicati e stando attenti a non bagnare la testa per non infastidirlo troppo. Meglio invece usare poca acqua e poi usare le mani per lavarlo. L’asciugatura del pelo va fatta stronfinandogli addosso uno o più asciugamani.

Per avere un pelo perfetto il gatto affronta non solo toilette quotidiane lunghe e accurate ma anche una media di due mute l’anno, periodi in cui il ricambio del manto è accelerato e concentrato in pochi giorni. Ci sono molti vantaggi che il felino riceve dalla muta. L’essere umano che gli vive accanto deve invece ingegnarsi per limitare i disagi del micio e della casa contrastando le invasioni di pelo. Tra i due periodi di muta, vale a dire in autunno e in primavera, la più impegnativa in cui il felino perde le più grosse quantità di pelo è quella primaverile. In autunno, invece, lo rinfoltisce ma è pure importante tenerlo libero dai nodi con l'ausilio della consueta spazzola.

Va tenuto ben presente che la muta è necessaria per adattare il manto alla stagione in corso: d’inverno infatti la pelliccia del gatto è più folta e morbida, offrendo così una valida protezione dal freddo. La pelliccia estiva, invece, lascia circolare più aria e risulta più fresca rendendo il micio più resistente alle temperature calde. Per aiutare l’amico peloso ad affrontare i periodi di muta senza disagi è utile spazzolarlo molto frequentemente. Se ha il pelo lungo, dovremo pulirlo almeno una volta al giorno e comunque all'occorrenza.

Le spazzolature sono importanti in quanto rimuovendo il pelo morto si evita che il gatto lo ingerisca mentre si lecca per lavarsi. Il che, poi, diventa la causa dello sgradevole fenomeno dei boli che gli ostruiscono stomaco e intestino. Inoltre, spazzolando bene possiamo preservare dal pelo anche poltrone, letti e perfino vestiti. Se però il micio ci ha preceduto e si è seduto un po’ ovunque lasciando l’impronta del suo passaggio, per pulire usiamo delle spazzole adesive: i peli di gatto sono davvero molto ostinati e si aggrappano alle stoffe con forza! (Foto: Pinterest)

Fonte

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Susi
+1 #2 Susi 2015-10-06 17:41
Proprio un gatto da sogno sulla foto c07
Come sempre ottimi consigli, un pò difficili da seguire per noi per il numero di animali *sorpreso . Per fortuna hanno tutti un pelo facile da curare e ce la caviamo con una volta a settimana ciascuno a dipendenza della stagione c54
 
 
Perla
+2 #1 Perla 2015-10-06 13:28
Il gatto della foto è stupendo davvero!
Vorrei tanto inserire la spazzolata quotidiana ma sono tanti i giorni che saltiamo. Malgrado tutto i miei mici hanno un bel manto.