^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

NEWS E SOCIAL GROUP

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CHI È ONLINE

Abbiamo 108 visitatori e nessun utente online

E ora musica! Le serenate notturne

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Ci sarà senz'altro capitato di udire gli ululati notturni dei gatti dei vicini. Il nostro micio educato, ben nutrito e accoccolato nel suo cestino vorrà partecipare a questo genere di cori? No di certo... Ma c'è un altro genere di musica prodotta dal gatto di casa. Questi richiami notturni sono molto precisi, e diversi dalle altre 'voci' del gatto. In genere vengono emessi dai mici anziani anche se alcuni soggetti cominciano ad esibirsi a pochi mesi di età. Dunque qual è il punto? In sostanza, è un richiamo rivolto a noi.

Il gatto si sente un po' solo e ha bisogno di essere rassicurato. Una causa comune è l'insicurezza che segue un mutamento di ambiente, come quando resta solo o trasloca insieme alla famiglia. Purtroppo, l'abitudine agli ululati notturni persiste a lungo anche dopo che la causa che ha innescato l'ansia è venuta meno ormai da un pezzo, perché il gatto capisce che le urla sono un ottimo metodo per attirare in ogni momento la nostra attenzione.

Ancora una volta, siamo stati addestrati! Ovvio: saltiamo giù dal letto appena ci chiama, andiamo da lui, gli parliamo, lo accarezziamo e magari lo prendiamo anche in braccio. Quando ci avviciniamo, non si contorce mai dal dolore o dalla disperazione. No, se ne sta seduto, del tutto rilassato, con qualcosa che somiglia a un vago sorriso sotto i baffi. Se cediamo, ci proverà anche domani notte!

Anche se molti padroni sopportano questo genere di comportamento nel loro vecchio e amato gatto, bisogna correggere i micini che vi indulgono. Se siamo abbastanza risoluti, possiamo semplicemente far finta di nulla. In alternativa, si può tentare una terapia d'urto spruzzando il micio con una pistola ad acqua o facendo un forte rumore quando inizia il concerto.

Bisogna essere costanti, notte dopo notte, nell'adottare l'approccio prescelto. Prima o poi le urla smetteranno per sempre. Naturalmente, permettere al gatto di dormire con noi è un altro metodo efficace che credo il micino sottoscriverebbe, anche se non tutti i padroni saranno disposti ad approvarlo. (Foto: Pinterest)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Susi
0 #1 Susi 2015-09-14 20:27
interessante! la nostra Missy, quando Manlio va al letto e lei resta sola in salotto, urla da far paura c16 per un paio di minuti, poi si rassegna e va a nanna anche lei c14