^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

NEWS E SOCIAL GROUP

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CHI È ONLINE

Abbiamo 124 visitatori e nessun utente online

Che cosa non si fa per un bocconcino...

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

I gatti sono animali indipendenti e per stimolarli all'addestramento vanno premiati tutte le volte che raggiungono l'obiettivo. Occorre anche ricordare che i risultati variano molto a seconda del temperamento del gatto. Possiamo addestrare qualunque tipo di gatto, anche se le razze a pelo corto sono quelle che recepiscono più in fretta. Una volta che il micio ha imparato ad obbedire a «stai» e «seduto», possiamo addestrarlo a uno dei comportamenti più curiosi: la supplica. In seguito, ogni volta che gli daremo un premio alimentare, assumerà questa posizione.

Teniamo le sedute di addestramento in luoghi diversi della casa e anche all'esterno, se il tempo è bello. Presto il micio assumerà la posizione di «supplica» a comando, senza un premio in cambio, anche se è meglio non esagerare, altrimenti si chiederà perché lo sta facendo. I gatti, si sa, insistono per capire il motivo delle cose. Innanzitutto, dobbiamo assicurarci che sappia che abbiamo pronti molti premi gustosi, e poi facciamolo sedere e stare fermo con gli appositi comandi.

1. Sistemiamo alcuni bocconcini su un piatto, o teniamoli in mano, mentre il micio ci guarda e annusa l'aria con impazienza.

2. Solleviamo un bocconcino sopra la testa del gatto, in modo che non lo possa raggiungere stando seduto. Intanto diamo il comando di «supplica», insieme al suo nome. Non dobbiamo essere troppo insistenti: se avvertiamo disagio nel micio meglio interrompere la seduta di addestramento.

3. Prima o poi il gatto cercherà di prendere il bocconcino con una o due zampe. Quando lo fa, esclamiamo «bravo», seguito dal suo nome, e diamogli un premio. Se usa una sola zampa, abbassiamo il premio per spingerlo a usarle entrambe. Ripetiamo l'operazione per cinque minuti, due o tre volte al giorno.

Sarà molto divertente quando il felino si metterà in posizione di «supplica» senza bisogno di dargli l'ordine, solo perché vuole un bocconcino prelibato. Tuttavia, dobbiamo essere consapevoli che incoraggiare questo comportamento potrebbe far sì che il gatto assuma la posizione di «supplica» ogni volta che è vicino al cibo. Se questo non ci piace, possiamo insegnargli il trucco con un giocattolo. Spesso, i più efficaci sono quelli a base di erba gatta. (Foto: Pinterest)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Perla
+1 #1 Perla 2015-07-27 18:44
Troppo tardi per i nostri mici *lol
La foto è stupenda!!