^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

NEWS E SOCIAL GROUP

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CHI È ONLINE

Abbiamo 143 visitatori e nessun utente online

Anche i gatti amano la musica

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Un nutrito gruppo di gatti domestici all’ascolto della musica 'umana' - cioè creata dagli uomini per gli uomini - non hanno dimostrato alcun interesse particolare, mentre all’ascolto di brani realizzati appositamente per loro, costruiti seguendo la gamma di frequenze che i mici utilizzano per comunicare con i propri simili, ecco che i quattro zampe hanno manifestato non solo la propria attenzione, ma anche il proprio gradimento, strusciandosi sulle casse acustiche che diffondevano le singolari composizioni.

«Abbiamo voluto creare una musica per gatti per due ragioni - ha spiegato il prof. Charles Snowdon, psicologo responsabile della ricerca, in un’intervista al all’Huffington Post - la prima è che molti possessori di animali ci hanno detto che quando escono di casa lasciano la radio accesa per i loro piccoli amici. Il secondo motivo è che abbiamo sviluppato una teoria secondo la quale anche le altre specie biologiche possono apprezzare la musica, ma deve essere creata nella gamma di frequenze che queste utilizzano per comunicare, con un ritmo al quale sono abituate normalmente».

Lo studio condotto dall’Università del Winsconsin (Stati Uniti) e pubblicato sulla rivista “Applied Animal Behavioural Science”, si basa infatti sulla scoperta delle diverse modalità con cui le differenti specie di mammiferi percepiscono ed elaborano i suoni: per questo motivo si parla quindi di musica 'specie-specifica', cioè rivolta ad una determinata specie animale. La ricerca sui gatti non è la prima condotta dal prof. Charles Snowdon: buoni risultati erano stati infatti ottenuti da un precedente studio dedicato alle scimmie tamarino, in cui la musica appositamente creata per questi animali aveva sortito effetti tranquillizzanti.

Nel realizzare i brani per i piccoli felini, il prof. Snowdon e David Teie, compositore dell’Università del Maryland, hanno cercato di riprodurre le vocalizzazioni tipiche della comunicazione tra felini, la cui gamma di frequenze è di un’ottava, o più, superiore rispetto a quella umana, utilizzando note lunghe e toni acuti su di un ritmo basato sui suoni dell’allattamento e delle fusa. All’indirizzo musicforcats.com è possibile ascoltare i samples di tre composizioni caratterizzate da stili differenti.

Ciascuno dei brani è infatti stato costruito per trasmettere ed evocare nei quattro zampe un particolare stato d’animo al fine di migliorare la loro qualità della vita (ad esempio tranquillizzandoli in momenti di stress, ecc.). Le registrazioni sono state effettuate con strumenti tradizionali e con voci umane che hanno mimato versi e suoni degli animali: nessun gatto, topo o uccello è stato coinvolto nelle incisioni. Per ampliare i dati della ricerca, gli studiosi hanno invitato i proprietari dei mici a collegarsi al sito per condividere le reazioni dei propri animali all’ascolto delle composizioni.

Fonte

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Perla
+1 #1 Perla 2015-05-16 13:39
Ai nostri gatti piace tantissimo anche la musica umana c05