^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

NEWS E SOCIAL GROUP

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CHI È ONLINE

Abbiamo 98 visitatori e nessun utente online

Le vibrisse: un efficace copilota

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Le vibrisse del gatto costituiscono un ineguagliabile navigatore, poiché permettono di percepire la prossimità di un ostacolo senza il bisogno di vederlo. Micio ne possiede ventiquattro, disposte su file ai lati del naso, più alcune sparse su entrambe le guance, sopra gli occhi, sul mento e dietro le zampe anteriori. Sono spesse il doppio degli altri peli e hanno radici tre volte più profonde, dalla cui base si diramano numerose terminazioni nervose che le rendono estremamente sensibili alla velocità del vento, alla pressione dell'aria e al contatto.

Al minimo stimolo parte un riflesso difensivo che fa chiudere entrambi gli occhi per proteggerli da eventuali danni dovuti a oggetti nelle immediate vicinanze, mentre l'attenzione del gatto è concentrata altrove. I baffi svolgono un ruolo importante anche durante la caccia e il trattamento della preda. Il gatto non è in grado di mettere a fuoco da vicino, quindi spetta alle vibrisse, opportunamente puntate in avanti, determinare con accuratezza la posizione della preda. Il taglio o il danneggiamento dei baffi rende difficoltose le operazioni di caccia, diminuendo le abilità predatorie.

Si rivelano poi ancora più preziosi in caso di improvvisa cecità, poiché restituiscono al gatto una sorta di 'vista' e gli permettono di muoversi con una certa sicurezza negli ambienti familiari. Inoltre, proprio come le pupille, le vibrisse sono un ottimo indicatore dell'umore: puntate leggermente in avanti e verso il basso indicano che Micio è rilassato, appiattite contro il muso significano che è sulla difensiva e rivolte in avanti che è aggressivo.

Alcune curiosità sulle vibrisse

• Gli esemplari di Sphynx, razza quasi totalmente priva di pelo, possono avere vibrisse lunghe, corte o anche esserne privi.

• Le vibrisse sono in grado di percepire ogni minimo ostacolo in prossimità del muso e di innescare un riflesso protettivo dell'occhio che fa chiudere la palpebra.

• Le vibrisse si comportano come gli altri peli, e quindi cadono e si rinnovano. Il ricambio del mantello - soprattutto a primavera e all'inizio dell'inverno - interessa infatti anche le vibrisse per cui sarà normale trovarne di tanto in tanto una o più in giro per casa.

• Le ciotole di cibo e acqua dovrebbero essere sempre di dimensioni tali da impedire alle vibrisse il fastidioso contatto con il bordo mentre il gatto mangia o beve.

• Non è poi così raro che, durante la pulizia, una madre troppo zelante mastichi le vibrisse dei propri cuccioli e le strappi.

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Susi
0 #2 Susi 2015-03-23 22:33
Io non mi scorderò mai i bellissimi, lunghissimi baffoni bianchi nel musetto di Silvestro. E sorprendente sapere tutte le loro funzioni c06
 
 
Perla
+1 #1 Perla 2015-03-22 14:02
Ottimo l'articolo e stupenda la foto! c36