^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

SOCIAL GROUP E RSS

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

Come si cura un ascesso nel gatto

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Quasi tutti i gatti che vivono fuori casa e anche molti di quelli d'appartamento prima o poi sviluppano un ascesso, un grosso grumo di pus sotto la pelle. Le cause più comuni sono le ferite, spesso causate da un altro gatto durante una battaglia per il territorio o durante l'accoppiamento (ecco un'altra buona ragione per sterilizzare il nostro micio). La bocca del gatto è piena di un disgustoso miscuglio di batteri, e l'organismo prova a contrastarlo subito dopo essere stato morso. Da principio potremmo anche non accorgerci che il gatto è ferito.

La ferita che ha provocato l'ascesso può essere dovuta ad un oggetto affilato o ai denti del gatto del vicino, ma la prima prova dell'esistenza di un problema può essere notare che il micio zoppica o semplicemente «non sta bene». I sintomi di un ascesso in formazione possono essere semplicemente una temperatura corporea alta o l'individuazione dell'ascesso vero e proprio, ancora chiuso, che alla palpazione sembra un sacchetto che racchiude del fluido, o già aperto, che perde pus e ha un odore sgradevole.

Se ci accorgiamo che continua a zoppicare (per più di un'ora circa) o che ha un'aria «strana» (lo vediamo meno attivo, non mangia, non beve, evita la compagnia o cerca attenzione), mettiamolo subito nel trasportino e andiamo dal veterinario. Se possibile, il veterinario inciderà l'ascesso e farà uscire il pus. A volte può anche inserire un drenaggio per impedire che la ferita si richiuda troppo in fretta e permettere l'adeguato spurgo della materia infetta, fare un'iniezione di antibiotico o prescrivere degli antibiotici per bocca da somministrare a casa.

Che ci crediamo o no, scoprire che la causa della zoppia o del malessere è un ascesso è una buona notizia. In genere è facile da diagnosticare, da curare e si risolve alla svelta. Ascessi ripetuti, tuttavia, possono segnalare un deficit del sistema immunitario, ed essere il primo sintomo di un significativo problema di salute. La migliore cura per gli ascessi è la prevenzione. I gatti tenuti in casa e sterilizzati hanno le minori probabilità di essere morsi da un altro gatto; i maschi integri e vagabondi hanno le probabilità maggiori. (Foto: Pinterest)

Per dei consigli su come far inghiottire le compresse e altri farmaci: QUI

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Susi
0 #2 Susi 2015-03-24 16:41
mammamia, se penso quanti ascessi abbiamo curati ai nostri vari gatti, sempre con l'aiuto del vet e gli antibiotici *scioccato
 
 
Perla
0 #1 Perla 2015-03-18 14:10
Quando è capito a noi, con Nikita, abbiamo dovuto portarlo dalla veterinaria per aprire, pulire e cucire *piangere + 10 giorni di antibiotici. Era stato morso da un'altro micio che era entrato nel giardino