^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

SOCIAL GROUP E RSS

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

Il Serengeti

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Questo bell'esemplare di gatto domestico dall'aspetto esotico ed elegante nasce da un incrocio tra il Bengala e il gatto Orientale a pelo corto. Un'allevatrice di lunga e vasta esperienza, Karen Sausman, esperta nell'allevamento oltre che di gatti Bengala, anche di Fox Terriers e di cavalli andalusi, desiderava creare una nuova razza di gatti domestici che assomigliasse al Servalo (un felino selvatico africano), senza averne le caratteristiche genetiche da gatto selvatico.

Nel 1994, in California, Karen iniziò il processo di ibridazione da cui nacque il Serengeti. Ottenne un gatto maculato, dal fascino esotico e dall'aspetto vigoroso, sano, robusto, con una forte personalità. L'allevatrice continuò il suo programma di sviluppo della razza, sostenendo con diverse iniziative il prosieguo e la valorizzazione dell'allevamento di questo bel gatto domestico.

La struttura corporea rende il Serengeti un gatto estremamente elegante. È di taglia media con lunghe zampe. I maschi sono più grandi delle femmine. Deve essere in condizioni fisiche eccellenti, forte e muscoloso, aggraziato e quasi statuario se in posizione eretta. Tra le sue più evidenti caratteristiche risaltano il lungo collo slanciato e le grandi orecchie portate alte sulla testa, arrotondate e leggermente inclinate in avanti e molto vicine l'una all'altra.

Il Serengeti deve mostrare un temperamento gentile, estroverso e sicuro di sé. Gli occhi grandi e rotondi, separati da un grande naso, vanno dal color oro all'ambra, ma è ammesso anche il colore verde chiaro e il nocciola. La testa a forma di cuneo, è più lunga che larga e ha guance poco prominenti, il mento è forte e in linea con la punta del naso. Le zampe sono molto lunghe, muscolose e con ossa di media grandezza. I piedi sono di forma ovale. La coda è grossa, larga alla base e più affusolata in punta.

Il pelo corto, folto e abbastanza soffice del Serengeti ha disegni che appartengono alla categoria tabby spotted. Il manto va dal giallo chiaro all'oro e la sua principale caratteristica è lo spazio che intercorre tra le macchioline, distanti l'una dall'altra e ben evidenziate. I colori possono essere brown spotted - le macchioline possono essere anche nere o marrone scuro su sfondo beige chiaro o oro -, silver e black smoke. Sono ammesse varie sfumature purché con forte contrasto tra il colore di fondo e le macchioline scure che devono essere ben visibili.

Questo gatto è un compagno allegro e vivace che sa esternare l'affetto con un chiacchiericcio continuo, modulando sonori vocalizzi, prova indiscussa del suo temperamento estroverso e frizzante. Ha un carattere piuttosto forte ben controbilanciato, però, dall'indole mite e gioiosa. Se ben 'educato' da una mano sapiente, impara a legare bene con gli altri animali domestici e a simpatizzare anche con gli estranei.

È un gatto iperattivo, sempre in movimento: ama giocare per ore senza mai stancarsi, adora andare alla scoperta di sempre nuovi divertimenti. È attento, vigile, e sa spesso attrarre l'interesse del suo compagno umano con i suoi allegri vocalizzi. Il Serengeti è un gatto robusto. Dato il pelo corto la toelettatura è superflua, ma è pur sempre consigliabile passare un guanto di velluto sul mantello ogni tanto e tenere rigorosamente pulito l'ambiente in cui vive. (Foto: Wiki)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Susi
0 #1 Susi 2015-03-24 16:48
Che bellezza c17