^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

NEWS E SOCIAL GROUP

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CHI È ONLINE

Abbiamo 92 visitatori e nessun utente online

Micio e la terza età

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

La vecchiaia non è una malattia, ciò nonostante il padrone attento e amorevole sa che in questa fase il gatto ha bisogno di maggiori attenzioni per poter condurre una vita il più tranquilla e serena possibile. Le visite annuali dal veterinario devono diventare un appuntamento imprescindibile, e anzi, se Micio dimostra di riuscire a sopportare gli esami senza troppe difficoltà, lo stesso veterinario potrebbe consigliare di portarlo in ambulatorio a scadenza semestrale.

Un gatto anziano non è più capace di regolare la temperatura corporea, quindi è importante assicurargli un certo numero di giacigli, facilmente accessibili, caldi e al riparo di correnti d'aria. Sinceriamoci che siano foderati con un adeguato strato di coperte di pile o di materiale simile, in modo da evitare dolori o possibili irritazioni alle ossa ormai sporgenti.

Capita poi che il gatto anziano trovi piuttosto difficile acciambellarsi, soprattutto se soffre di artrosi e di una certa rigidità articolare, quindi facciamo in modo che i vari giacigli siano anche abbastanza grandi da permettergli di stare sdraiato. Più Micio invecchia e più l'agilità lo abbandona, pertanto un po' di attività fisica eseguita con regolarità lo aiuta a mantenere la massa muscolare e a stimolare la circolazione.

Durante la giornata prevediamo dunque brevi ma imprescindibili sedute di gioco leggero. Anche le gattaiole possono rivelarsi un ostacolo per chi soffre di artrite, tanto da indurre a rinunciare a una boccata d'aria fresca. E allora perché non fare una passeggiata insieme? In questo modo Micio si mantiene in esercizio con tutta la tranquillità e la sicurezza garantite dalla nostra presenza.

Per ovviare alla perdita delle doti di scalatore impavido, poi, bisogna assicurargli l'accesso agli spazi preferiti con l'ausilio di sgabelli o scatoloni. Lo scarso appetito può essere stimolato lasciando intiepidire il cibo a temperatura ambiente, in modo che sia più profumato e quindi, come sappiamo, più appetitoso per palato e narici.

I SEGNI DI SENILITÀ

• Cambiamenti nel ciclo sonno-veglia.
• Vocalizzazione eccessiva.
• Appetito ridotto e scarsa pulizia.
• Disorientamento o confusione.
• Abbandono della cassettina igienica.
• Abitudine di camminare avanti e indietro o di tenere lo sguardo fisso negli angoli.

Se Micio mostra i primi segni di senilità, non dobbiamo fargli mancare stimoli ambientali, come ad esempio giochi che rammentano la caccia e l'interazione organizzata, utili per aumentarne le funzioni cognitive e la qualità di vita. (Foto: Pinterest)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Perla
0 #2 Perla 2015-03-10 22:05
Ottimi consigli e stupenda foto! c09
 
 
Susi
0 #1 Susi 2015-03-09 16:03
Come sempre consigli utilissimi. La nostra Missy-Nociolina -Süessi è abbastanza in forma per i suoi quasi 20 anni. Tutte le sere tortura Manlio mentre guarda la TV c24 e quando resta sola in salotto, come descrivi uno dei segni di senilità, miagola fortissimamente per un pò c04 . Ma la cosa più sorprendente, da qualche anno non "spruzza" più e usa la sua cassetta!!! c07