^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

SOCIAL GROUP E RSS

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

Se il gatto è felice, lo è anche il padrone

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Che si tratti di felini di razza o d’appartamento, tutti hanno bisogno di tenersi occupati, anche quando sembrerebbe che pensino soltanto a sonnecchiare e mangiare. Ma il cibo e il sonno, da soli, non fanno la felicità di un gatto. Il segreto è tenerlo occupato facendolo giocare. Il modo migliore e più semplice per tenere impegnati i gatti è consentire loro il contatto con altri felini. Infatti, malgrado intrattengano un buon rapporto con l’uomo, questo non può certo sostituire i loro conspecifici. Ciò vale in particolare per i gatti d’appartamento.

Se sono in compagnia è possibile lasciarli soli anche piuttosto a lungo, ma è importante considerare come è stato abituato il gatto da cucciolo: ha avuto contatti con i propri fratelli per almeno 10-12 settimane, oppure no? In base a ciò, l’animale svilupperà un atteggiamento solitario oppure gregario. I gatti che hanno la possibilità di uscire all’esterno interagiscono con altri conspecifici e riescono a trovare sufficienti occasioni di occupazione. Ciò non significa che chi possiede più gatti - o concede al proprio animale di uscire all’aperto - possa esimersi dal dedicare loro del tempo.

I gatti sono animali curiosi e attivi, che amano le novità e l’intrattenimento. Desiderano scoprire cose nuove, giocare e cacciare. In commercio esiste un’infinita varietà di articoli per il divertimento dei nostri amici felini. Anche sui libri e in Internet si possono trovare nuove idee per il gioco e per tenerli occupati. La maggior parte dei gatti ama i giocattoli legati a un filo o a un amo: può trattarsi di un tappo, una piuma o un pupazzetto a forma di topolino. Basta muoverlo un po’ e il tappo di sughero si trasforma in una preda a cui avvicinarsi di soppiatto per catturarla.

Se poi il presunto topolino viene nascosto sotto una coperta sottile o un giornale, il gatto ne sarà entusiasta. Non è necessario acquistare giochi costosi per il nostro animale; è infatti possibile realizzarne molti da soli e, spesso, proprio le idee più semplici si rivelano ottimi stimoli. È già sufficiente una pagina di giornale arrotolata o una di quelle larghe fasce di plastica con cui si chiudono i pacchi più grandi. I gomitoli di lana, invece, sono meno indicati a causa del pericolo di strangolamento. Come per i cani, anche per i gatti le attività diventano ancora più piacevoli se alla fine c’è una ricompensa.

Un gioco o un’idea d’intrattenimento sono particolarmente ben pensati soprattutto se il gatto deve impegnarsi per ottenere il premio. In natura, infatti, per trovare le prede devono ricorrere all’olfatto, al tatto e al senso di orientamento. Alcuni gatti imparano persino piccoli trucchi. In effetti, sono animali addestrabili, sebbene normalmente non si presti molta attenzione a questa loro caratteristica. In ogni caso sono in grado di apprendere, ma bisognerebbe assicurarsi che il gatto lo faccia divertendosi.

Non per forza il gatto deve annoiarsi quando resta solo in casa: basta un po’ di inventiva e… il gioco è fatto! Si può mettere una palla sul grattatoio in modo che cada quando il micio ci salta sopra. Un piacevole diversivo può essere anche una scatola di cartone al cui interno, tra la carta frusciante, abbiamo nascosto del cibo secco. Altrimenti, si possono disporre pezzetti di mangime in una cassetta per la semina e metterci sopra delle palline da pingpong: funziona splendidamente! Oppure mettere in cucina una vaschetta in cui galleggiano delle palline.

Un’ulteriore possibilità sono le cosiddette tavole-gioco con qualche piccola delizia nascosta, che richiedono abilità e un po’ di ingegno da parte del micio. Questi dispositivi sono in vendita nei negozi specializzati e in Internet, ma possiamo realizzarli anche da soli. Prima di uscire di casa introduciamo anche qualche piccolo cambiamento nell’appartamento: lasciamo aperta un’anta dell’armadio, nascondiamo dei croccantini appena raggiungibili sotto il divano, mettiamo il suo giocattolo preferito in un luogo insolito oppure realizziamo una grotta improvvisata utilizzando una sedia e una coperta.

Non importa se l’idea è semplice oppure merita un premio per la creatività, la cosa fondamentale è che funzioni. Il gatto l’accoglierà con piacere. È impossibile stabilire in via generale una durata e una frequenza ottimali per le interazioni tra gatto e padrone: tutto dipende dall’età e dal carattere dell’animale. I felini più giovani sono molto attivi e richiedono maggior impegno. Un gatto anziano dorme molto, ma dedica comunque del tempo all’attività. Se gli concediamo la tranquillità di cui necessita e gli prestiamo attenzione quando è sveglio e ha voglia di giocare, la nostra ricompensa sarà un gatto felice ed equilibrato. (Foto: Pinterest)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Susi
0 #1 Susi 2015-03-01 18:41
Proprio vero, anche la nostra Missy gioca ancora volentieri e si interessa a cosa succede intorno, malgrado la sua età. Anche per noi è divertente giocare con un pelosino, a me fanno sempre ridere tanto c07