^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

SOCIAL GROUP E RSS

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

Come ottenere un micio affettuoso

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Abbiamo già avuto modo di spiegare che il gatto, nonostante la sua fama di 'traditore', stabilisce rapporti affettivi anche molto profondi con chi si prende cura di lui. È vero che esso non possiede qualità comportamentali che gli permettono di esprimere in modo palese il suo attaccamento. Infatti non scodinzola e non salta gioiosamente addosso al padrone, ma sa manifestare in altro modo il suo affetto. Ad esempio ci segue quando ci spostiamo, a volte pure fuori casa, aspetta il nostro ritorno, sa reclamare le nostre attenzioni e soffre di gelosia.

È risaputo che il gatto non ha subito un processo selettivo così intenso come il cane. Allora quale origine ha il suo attaccamento nei nostri confronti? Una risposta definitiva non è ancora stata data ma, come per il cane, il legame con l'essere umano pare svilupparsi in tenera età, quindi un apprendimento precoce, programmato geneticamente, durante una fase sensibile: le informazioni acquisite sono irreversibili. Alcuni studiosi ritengono che per il gatto il periodo critico sia di sei mesi.

Il gattino appena nato è cieco e il suo udito è ancora in via di sviluppo. Osserva quindi il suo ambiente tramite l'olfatto, in modo sensoriale. Tra la seconda e la settima settimana di vita, il micio sviluppa le altre funzioni: vista, olfatto e udito. Questo si riflette naturalmente sul suo comportamento. Riconosce la madre e ne stimola le cure parentali, acquista attraverso il gioco un migliore controllo dei suoi movimenti. Anche se il gattino smette di succhiare il latte della madre, la fase sensibile non è ancora terminata.

Il suo cervello continua a raccogliere e a fissare tutte le informazioni necessarie per l'esistenza futura e relative ai suoi partner sociali. Attenzione però! La presenza della madre e dei fratellini almeno fino allo svezzamento è decisiva per un corretto sviluppo psico-fisico. Quindi, se vogliamo avere come coinquilino un micio affettuoso, non dobbiamo sostituirci mai a sua madre, lasciamolo con lei fino allo svezzamento e nel contempo giochiamo con lui e coccoliamolo: non se ne dimenticherà! (Foto: Pinterest)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Susi
0 #1 Susi 2015-02-20 11:35
Penso che il sogno di tutti noi è di avere un micio affettuoso con noi. c07 e i tuoi consigli sono proprio d'aiuto!