^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

SOCIAL GROUP E RSS

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

L'iperattività notturna felina

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

I gatti sono per loro natura animali crepuscolari: sono più attivi dal crepuscolo all'alba, periodo in cui le loro piccole prede si avventurano alla ricerca del cibo. Questo è il loro ritmo circadiano: lunghi pisolini durante tutto l'arco della giornata e folli giochi di caccia (come corse sfrenate per tutta la stanza, salti sul letto cercando di acchiappare qualunque piccola parte del corpo si sposti di qualche millimetro, oggetti gettati in terra, ecc...) durante la notte. Nella maggior parte dei casi i gatti abituati a vivere in casa modificano notevolmente i loro orari di attività adattandoli a quelli della vita di famiglia.

Ma nel caso i proprietari siano assenti per tutto il giorno il gatto cercherà interazione, attivazione e divertimento nel momento in cui noi crolleremo sfiniti sul letto. Di solito il problema è più frequente nei giovani gatti che poi, nel tempo, si adeguano ai nostri ritmi. È, però, importante non rinforzare il gatto prestandogli attenzione, sgridandolo, o (peggio) alzandosi per dargli da mangiare. Le soluzioni a questo problema di convivenza sono essenzialmente due:

• la prima, banalissima, chiudere il micio fuori dalla camera da letto. Ma la maggior parte dei proprietari di gatti adora dormire con il proprio felino e, comunque, il gatto manifesterà un certo disappunto (miagolando e grattando alla porta) per un periodo più o meno lungo a seconda della sua caparbietà;

• la seconda prevede una maggiore attivazione del gatto durante la giornata e l'ignorare totalmente ogni suo attacco notturno. La maggior parte dei gatti non giocano o giocano poco da soli, in ogni modo sarà utile arricchire l'ambiente. È importante far ruotare i giochini (non lasciandoli sempre tutti a disposizione) e sostituirli spesso in modo che il micio sia interessato dalla novità. Ogni tanto immergiamo i giochini in un sacchetto di catnip (erba molto amata dalla maggior parte dei gatti).

Per il gatto è molto importante esplorare e arrampicarsi: predisponiamo dei giacigli e dei giochini in alto. Un'altra idea per tenerlo attivato sono i giochi ripieni di cibo (anche un semplice scatolone chiuso con dei fori). Abituiamo il gatto a delle sessioni di gioco di almeno 15 minuti verso inizio serata (non prima di andare a dormire e mai in camera da letto) in modo da stancarlo.

Può essere utile anche dargli da mangiare mezz'oretta prima di andare a dormire (spesso dopo mangiato cercano riposo) e lasciare dei croccantini a disposizione per la notte o il mattino presto. Ma la cosa più importante è di non muoversi assolutamente quando il micio comincia gli attacchi, ogni movimento (anche per scacciarlo) e ogni parola sortiranno l'effetto di motivare il gatto in quanto ha ottenuto quello che voleva: svegliarci, avere la nostra attenzione, avere movimento...

Se saremo coerenti il tutto dovrebbe funzionare in un paio di settimane.

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Susi
0 #1 Susi 2015-02-08 14:32
ottimi consigli Niki.... c09

Avrei bisogno anche un addestramento per me *ridere