^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

SOCIAL GROUP E RSS

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

Le basi per addomesticare Micio

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Molti credono che i gatti, contrariamente ai cani, non possano essere addestrati, ma questo non è del tutto vero. In generale i gatti hanno un carattere molto più indipendente dei cani e non sono per nulla interessati a fare qualcosa per essere lodati dagli umani. Sono materialisti e, se devono imparare qualcosa, vogliono ricompense tangibili. Il che significa cibo. Ovviamente non dobbiamo smettere di dare da mangiare al micio finché non fa ciò che vogliamo. Anzi, dobbiamo gratificarlo con il cibo, anche se i premi non devono essere compresi nelle normali razioni di pappa.

Teniamo pronta una riserva di premi speciali, diversi di volta in volta, per mantenere vivo l'interesse e la motivazione del gatto. Qualche esempio: cubetti di formaggio, gamberetti o pezzetti di prosciutto cotto. Certi gattini potrebbero essere meno attratti dal cibo di altri. Se così fosse, come ricompensa alternativa scegliamo alcuni giocattoli e giochiamo con loro.

L'addestramento dovrebbe cominciare appena il nuovo ospite varca la soglia di casa. Bisogna abituarlo ad osservare regole fisse nella vita quotidiana, e cerchiamo di nutrirlo, pulirlo e addestrarlo ad orari regolari durante la giornata. Quando iniziamo ad addestrare il gattino, ricordiamo che l'approccio da adottare dipende molto dalla sua personalità. All'inizio, lo scopo è abituarlo a giocare e a interagire con le persone.

Un micio timido non reagirà all'addestramento allo stesso modo di uno più socievole, e dovremmo interrompere subito le sedute di apprendimento se avvertiamo che è stressato o a disagio. L'addestramento e il gioco dovrebbero essere sempre un'esperienza piacevole per entrambi! Alcuni tipi di addestramento saranno 'positivi' (ad esempio, imparare ad usare la lettiera e la gattaiola o rispondere al proprio nome).

Altri saranno 'negativi', come ad esempio non arrampicarsi sulle tende o graffiare il divano. Quando il gattino avrà appreso le basi in modo stabile, potremo pensare ad addestrarlo a fare qualche semplice gioco, come chiedere il cibo. Il nostro massimo contributo al processo di addestramento è rappresentato da una pazienza illimitata; ciò garantisce l'ottenimento di buoni risultati! (Foto: Wiki)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Susi
0 #1 Susi 2014-12-23 11:59
A quanto pare è veramente possibile di addestrare i gatti e questi suggerimenti aiutano certamente a chi ci vuol provare *divertente