^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

SOCIAL GROUP E RSS

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

Come imparano i gatti?

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Per domare, istruire e allenare il nostro tenero gattino, è necessario che sappiamo quali sono i meccanismi di apprendimento dei mici. I gatti imparano sia ricordando ciò che hanno vissuto, sia per istinto. L'esperienza insegna loro come saltare per aprire il chiavistello di una porta o come introdursi in casa, suonando la campanella che induce la servitù (noi) a correre ad aprirgli. Si, è vero, i gatti addestrano i loro proprietari. Nozioni come le tecniche di caccia vengono apprese soprattutto dalla madre e non sono istintive, anche se alcuni fattori genetici ereditati dagli antenati selvatici possono avere la loro influenza.

Una buona cacciatrice di solito genera una prole abile nella caccia, mentre i gattini nati da madri non cacciatrici o privi di fratellini non impareranno mai a cacciare. I primi due mesi della vita di un gattino sono i più critici per lo sviluppo delle capacità di apprendimento e di socializzazione. Durante questo periodo i gattini legano con i loro simili, si esercitano ad imitare le azioni altrui e cominciano, si spera, una fruttuosa interazione con gli esseri umani.

Finché non cominceremo ad addestrarlo, il cucciolo si concentrerà sull'apprendere solo ciò che ha un'utilità pratica nella sua vita quotidiana: ottenere cibo, segnare il territorio, individuare il luogo più confortevole per sonnecchiare in casa e così via. Tutti sanno che i gattini amano giocare. Certo, queste attività li divertono, ma c'è molto di più. Il gioco è una parte fondamentale del processo di apprendimento perché consente di sviluppare l'esperienza che il gattino ha del mondo che lo circonda e delle leggi fisiche che lo governano.

Attraverso il gioco il micio impara come impostare un balzo o un inseguimento e da quale angolazione deve intercettare una preda in movimento, quanta spinta gli serve dalle zampe posteriori per saltare ed atterrare su un oggetto ad una certa distanza, e tante altre cose che gli torneranno utili nella vita. Quando cominciamo ad allenare il nostro gatto, il gioco sarà parte integrante del processo e, mentre lui impara, entrambi ci divertiremo parecchio!

Accedi o registrati per poter commentare.