^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

NEWS E SOCIAL GROUP

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CHI È ONLINE

Abbiamo 89 visitatori e nessun utente online

Incontri ravvicinati del 'micio tipo'

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

È importante che il gattino si abitui ad essere maneggiato fin dalla più tenera età. La manipolazione e il contatto col micio sono elementi essenziali per un buon rapporto fra di noi. Alcuni gatti amano essere presi in braccio e coccolati, ma devono sentirsi a loro agio e al sicuro. Ricordiamo di maneggiare sempre il piccolo felino con delicatezza e rispetto ed evitiamo di afferrarlo bruscamente o di coccolarlo troppo. Cerchiamo di resistere alla tentazione di prendere in braccio il nuovo micio alla prima occasione. Dobbiamo concedergli il tempo e lo spazio per fare ciò che vuole: andare ad esplorare o schiacciare un pisolino.

Non solleviamo mai il micetto per la collottola e nemmeno tenendolo sotto le 'ascelle', lasciandolo dondolare (afferrare un gatto per la collottola è ammesso quando si deve sollevare un animale infortunato). I cuccioli devono sempre essere maneggiati con cautela, perché le loro ossa - in particolare quelle della cassa toracica - sono molto morbide e possono essere facilmente danneggiate da manipolazioni brusche.

Il modo corretto per prendere un micino è mettergli una mano intorno allo stomaco e l'altra sotto il posteriore. In questo modo lo si può reggere con il palmo di una mano, mentre l'altra gli sostiene la testa e la parte superiore del corpo, tenendo delicatamente il collo o la sommità delle zampe anteriori. Se stiamo portando il micio da qualche parte, teniamolo vicino al corpo.

Sediamoci tenendolo in grembo, coccoliamolo, e forse si appisolerà. Se non vuole essere toccato e ha voglia di giocare, non lasciamolo mai cadere dall'alto. Adagiamolo con gentilezza a terra, facciamogli una carezza e offriamogli cibo o un gioco, per premiarlo del suo buon comportamento. Solleviamolo in questo modo varie volte, cosicché si abitui ad essere maneggiato.

Quando cresce, possiamo sollevare il nostro gatto ponendogli una mano sotto le zampe anteriori e sostenendolo con l'altra sotto il posteriore, quindi portiamolo all'altezza del torace (sostenendolo sempre con una mano sotto il posteriore). Una volta in alto, potrà sedere nell'incavo del nostro braccio, con le zampette anteriori appoggiate alla nostra spalla, o aggrappato all'altra mano e, con un po' di fortuna, sentiremo presto risuonare nell'orecchio il dolce suono delle fusa.

UN PO' DI RISPETTO

I bambini piccoli, in particolare, possono creare problemi sotto questo aspetto. L'arrivo di una morbida palla di pelo viene accolto con gioia, ma è molto importante che venga loro insegnato come maneggiare il nuovo cucciolo di casa, per non spaventarlo o ferirlo. Mostriamo ai bimbi più grandi come prenderlo in braccio e facciamo vedere ai più piccoli - che potrebbero mostrare attenzioni troppo entusiastiche - come accarezzarlo con delicatezza, senza strapazzarlo.

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Susi
0 #1 Susi 2014-10-27 22:04
ottimi consiglii Niki, e il micio sulla foto è assolutamente splendido c07