^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

NEWS E SOCIAL GROUP

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CHI È ONLINE

Abbiamo 52 visitatori e nessun utente online

La 'manutenzione' del gatto

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Proprio come un'autovettura, il gatto ha bisogno di una manutenzione regolare. Può essere una buona idea, una o due volte alla settimana - ad esempio quando il micio ci è felicemente accoccolato in grembo - fargli un semplice check sanitario. Così identificheremo i problemi sul nascere, ed avremo modo di effettuare un semplice "tagliando". Cominciamo ad ispezionare il mantello passandoci sopra una mano. Ci sono zone prive di pelo o croste sulla pelle? Vi sono nodi nel pelo? Se sì, sciogliamoli con le dita e usiamo un pettine per separare i peli.

Se il micio sta sonnecchiando, probabilmente non si sveglierà nemmeno durante questa operazione. Controlliamo che non compaiono sul pelo tracce simili a sottile polvere di carbone. Si tratta degli escrementi delle pulci e sono più facili da individuare degli stessi parassiti, in particolare nei gatti a pelo lungo.

Le orecchie

Ispezioniamo l'interno delle orecchie per verificare che siano libere da accumuli di cerume o scaglie di pelle morta. Se ne troviamo, puliamo l'orecchio passandoci delicatamente un batuffolo di cotone imbevuto di olio di oliva caldo (non bollente). Il cerume scuro può indicare dei parassiti. Non usiamo mai bastoncini di cotone.

I denti

Apriamo con cautela le fauci del micio ed esaminiamo la bocca. I denti da latte dovrebbero essere puliti e bianchi, le gengive rosa pallido e sane, l'alito non pesante. Se scopriamo qualcosa che ci preoccupa, non esitiamo a rivolgerci al veterinario.

Gli occhi 

Gli occhi devono essere limpidi e le palpebre libere dal muco o altre sostanze. Con le dita e l'ausilio, se necessario, di un batuffolo di cotone imbevuto di acqua calda, rimuoviamo le eventuali croste dagli angoli delle palpebre, vicino al naso.

Il naso

Le narici sono pulite e libere da muco? Il naso è secco e incrostato? Se sì, spalmiamoci un po' di vaselina. Se il micio presenta il naso screpolato e infiammato per più di un paio di settimane, consultiamo il veterinario, perché il disturbo potrebbe cronicizzarsi.

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Susi
+1 #1 Susi 2014-10-05 20:20
Ottimi consigli c11 ! Vorrei avere la costanza di seguirli sempre per tutti i miei pelosini un pò trascurati in queste settimane *timido