^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

NEWS E SOCIAL GROUP

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CHI È ONLINE

Abbiamo 69 visitatori e nessun utente online

La gestione del ristorante

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Una volta stabilito quale menu offrire, dobbiamo pensare a come organizzare il servizio in tavola perché risponda meglio ai bisogni del gattino. Dopo il raggiungimento dei sei mesi di età, il micio dovrebbe consumare tre pasti al giorno. Se suoniamo una campanella, facciamo tintinnare la forchetta o pronunciamo il suo nome mentre posiamo a terra la ciotola, il gattino apprenderà presto il senso del segnale e arriverà di corsa. Questo sistema serve anche a ridurre i capricci per il cibo. Il gatto potrà, naturalmente, riconoscere anche altri segnali che indicano l'ora della pappa, come lo schiocco della porta del frigo o il frusciare di un pacco di croccantini.

Dopo 15 minuti ritiriamo la ciotola. Se è intatta, copriamola, mettiamola in frigo e riproponiamola più tardi. Il cibo per gatti va sempre servito a temperatura ambiente, perché alcuni soggetti rigurgitano subito il cibo freddo. Quando togliamo la pappa dal frigo possiamo aspettare che si scaldi o metterla nel microonde (in una ciotola non metallica) per 15 secondi. Verifichiamo che la temperatura non sia troppo elevata prima di servirla.

Le ciotole del cibo vanno pulite bene almeno una volta al giorno e quella dell'acqua va sempre rabboccata. Non laviamo le ciotole del gatto insieme alle nostre stoviglie! Forse noteremo che il gatto beve da pozzanghere di acqua sporca in giardino, o tenta di lappare l'acqua del water. Questo anche se non lasciamo mai vuota la ciotola dell'acqua. Tale comportamento è spesso dovuto al fatto che non ama il cloro contenuto nell'acqua potabile.

Possiamo superare l'ostacolo versando acqua del rubinetto in una bottiglia di plastica e lasciandola a temperatura ambiente per un giorno o due, prima di offrirla al gatto, in modo che il cloro abbia tempo di dissolversi. Se vogliamo essere davvero alla moda possiamo servire acqua minerale naturale. Ad alcuni gatti piace bere direttamente da un getto d'acqua: per farli contenti possiamo comprare una fontanella per gatti.

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Susi
0 #1 Susi 2014-09-27 17:53
Ottimi consigli c06