^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

SOCIAL GROUP E RSS

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

L'Ocicat

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Questa razza di gatti a pelo corto proviene dal Michigan, negli Stati Uniti. Essa si è sviluppata negli anni '60 dall'incrocio tra un Siamese Seal Point ed un Abissino. A causa dell'insolito e prezioso mantello, la linea delle razze è continuata e alla fine si è fatto ricorso al sangue dell'Americano a pelo corto per aumentarne la taglia e la varietà di colori. Il nome deriva dalla contrazione di "Ocelot", un felino selvatico maculato dell'America Centrale e da "cat", gatto.

Riconosciuto ufficialmente in America nel 1987, viene presentato a diverse mostre feline nel Paese di origine mentre è ancora molto raro all'estero. I primi esemplari di questa razza arrivarono in Europa nel 1991 e vennero riconosciuti dalla FIFe nel 1992. È tutt’ora l’unico gatto maculato domestico allevato selettivamente per avere le stesse caratteristiche dei gatti selvatici.

Ha un corpo robusto e muscoloso, ma elegante. La testa è leggermente allungata e sulla fronte è ben disegnata la caratteristica "M". Le orecchie, con ciuffi bianchi al loro interno, sono larghe alla base e ben distanziate, il bordo esterno forma una linea continua con le guance. Gli occhi sono a mandorla, di tutti i colori tranne il blu. Gli arti sono lunghi con zampe di media grandezza, i piedi sono ovali e compatti. La coda è lunga, proporzionata al corpo, circondata da anelli scuri, è sempre nera sulla punta. Il mantello maculato è corto e ben aderente al corpo.

Del Siamese, l'Ocicat ha conservato in massima parte il carattere, che è molto 'nevrile', vivace e irruente; come questo suo progenitore è pure socievole ed è portato a nutrire un affetto - anche molto intenso - per il suo padrone, ma solo per lui. L'aspetto selvaggio nasconde un gatto dal temperamento pacifico, attivo e giocherellone, l'Ocicat ama la compagnia e le attenzioni. Non deve essere lasciato troppo tempo da solo perché soffre la solitudine. Non ama particolarmente gli estranei e si dimostra affettuoso solo quando acquista fiducia in loro.

È un gatto perfettamente adattabile alla vita domestica tanto che può essere addestrato all'uso del guinzaglio e quindi accompagnare il suo amico umano nelle passeggiate. Non può essere costretto a vivere in ambienti ristretti perché necessita di avere a sua disposizione spazi abbastanza ampi; l'ideale, per lui, sarebbe una casa dotata di un bel giardino. La sua estrema intelligenza gli permette di rispondere ai comandi vocali del padrone e inoltre, se abituato sin da piccolo, può convivere anche con eventuali cani.

È sufficiente spazzolare il suo splendido manto maculato una volta alla settimana, meglio se con una spazzola di crine e successivamente con un pettine a denti fitti. Per dare lucentezza al pelo si può passare un panno di camoscio. Data la sua origine selvatica ed il fisico robusto è un gatto molto forte, che difficilmente si ammala e necessita di cure particolari. (Foto: Wiki)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Kikka
0 #3 Kikka 2014-08-06 13:28
Siiiiiiii lo voglio lol
 
 
Susi
+1 #2 Susi 2014-06-15 21:57
Bellissimo c07
 
 
Perla
+1 #1 Perla 2014-06-13 18:01
Che meraviglia!! c28