^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

SOCIAL GROUP E RSS

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

Il Nebelung

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Inizialmente si credeva che questa razza fosse stata allevata solo negli Stati Uniti, ma dopo la caduta della cortina di ferro ci si è resi conto che esisteva anche in Russia. La parola Nebelung, apparentemente una fusione fra la parola tedesca Nebel (nebbia) e la saga germanica Nibelungenlied, è probabilmente dovuto al caratteristico mantello setoso grigio-blu del gatto e ai due antenati che diedero il via alla razza. Essi portavano infatti i nomi dei due protagonisti del Nibelungenlied: il guerriero germanico Sigfrido e la principessa islandese Brunilde.

Il Nebelung deriva dal Blu di Russia, del quale ha anche le stesse caratteristiche morfologiche. Il muso ha una lieve espressione sorridente. Gli occhi sono gialli alla nascita e nel gatto giovane. All'età di quattro mesi compare un cerchio verde intorno alla pupilla, che si estende a tutta l'iride con la maturità. La testa è un cuneo modificato, con fronte piatta e profilo diritto. Le orecchie sono ampie alla base, leggermente arrotondate in punta. Gli occhi sono leggermente ovali, verdi e distanziati. Il corpo è snello e flessuoso.

Il pelo semi-lungo blu con tipping argenteo conferisce a questa razza un aspetto elegante e luminoso. La luce si riflette sul pelo esterno creando un lieve effetto incandescente. Solo spazzolandolo si nota che il colore blu uniforme interessa completamente e fino alla radice sia il pelo esterno sia il sottopelo. Malgrado la lunghezza del pelo, è un gatto dall'aspetto raffinato ed elegante.

Il mantello blu deve essere il più omogeneo possibile e deve essere privo di peli bianchi e sfumature di altri colori. Naso e cuscinetti delle zampine grigi. I maschi adulti presentano una sorta di criniera intorno al collo. Il pelo della coda è più lungo di quello del corpo e sovente si presentano ciuffi di peli fra le dita e dietro le orecchie e 'pantaloni' di pelliccia sulle zampe posteriori.

La lunghezza media del pelo sul corpo non supera solitamente il pollice e mezzo di lunghezza. Lo sviluppo della pelliccia richiede circa due anni, mentre la vita del gatto può in certi casi superare i 15 anni. Raramente il maschio adulto supera i 5 kg di peso. Il Nebelung è un felino vivace, giocherellone, affettuoso, bonario e intelligente. È un gatto dall’indole mite e spesso questa sua tranquillità può non far trasparire immediatamente la straordinaria intelligenza tipica di questa razza.

Nonostante il fatto che sia un gatto piuttosto vivace, si adatta molto bene alla vita in appartamento. Il Nebelung instaura un grande rapporto con la propria famiglia e spesso si mostra incredibilmente diffidente verso gli sconosciuti. Egli tende a legarsi con pochi e selezionati esseri umani e a portare avanti questo speciale rapporto per tutta la propria vita, pratica peraltro comune ad altre varietà di gatti come ad esempio il Siamese. È comunque un gatto che accetta volentieri la compagnia umana o di un altro felino.

Tendenzialmente miagola poco e possiede una voce sottile, risulta comunque un ottimo comunicatore e tende a farsi capire molto bene. Ad esempio, nel manifestare la propria fame o chiedendo un aiuto nell’aprire una porta magari chiusa a chiave. Per certi versi l’indole del Nebelung può infatti ricordare quella di un cagnolino, dimostrandosi disponibile a seguire da una stanza all’altra il proprio padrone, a nascondersi per tendere un agguato, a salire su tavoli e letti mentre li sta già utilizzando il proprio padrone.

Ama il contatto fisico, soprattutto a livello di gioco, anche in età adulta. A causa della sua indole diffidente però, non ama essere toccato da dietro o comunque senza prima aver instaurato un contatto visivo con la persona. E quindi sempre meglio avvicinarsi frontalmente al gatto e non stupirsi se al primo tentativo di approccio egli preferisca mantenere le distanze.

Accedi o registrati per poter commentare.