^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

NEWS E SOCIAL GROUP

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CHI È ONLINE

Abbiamo 147 visitatori e nessun utente online

Preparare il giardino per Micio

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Se il nostro gatto è autorizzato ad uscire, possiamo contenere il suo desiderio di andarsene in giro rendendo il giardino un luogo per lui stimolante. Piantiamo delle Buddleje o altri fiori che attraggono variopinte farfalle. Anche se Micio li troverebbe divertenti, evitiamo i trespoli per uccelli: rischieremmo di incoraggiare la caccia ai piccoli volatili. Piantiamo cespugli che servono a fare ombra nei mesi estivi e offrono riparo. Teniamo l'erba fitta nelle aiuole, senza lasciare chiazze visibili di terreno che il nostro gatto potrebbe usare per i suoi bisognini.

Cerchiamo invece di abituarlo a usare una zona specifica come lettiera: spargiamo un po' dei suoi escrementi nel posto desiderato e manteniamolo pulito, proprio come se si trattasse di una lettiera. Se il giardino non ha una staccionata di legno, piantiamo intorno al perimetro qualche paletto sul quale possa arrampicarsi e osservare il mondo circostante. Sono anche perfetti da marcare con gli artigli.

Se, invece, vogliamo evitare che Micio si arrampichi su alberi ai quali teniamo particolarmente, rivestiamoli fino a due metri da terra con del materiale antiaderente. Lasciamo una ciotola di acqua in giardino, ma manteniamo l'abitudine di servirgli i pasti dentro casa. Liberiamo da qualsiasi pianta nociva o sostanza tossica la zona cui ha accesso il gatto.

Se, malgrado tutti i nostri accorgimenti per rendergli apprezzabile lo stare in giardino, Micio decida comunque di avventurarsi oltre la nostra staccionata, mettiamo in pratica alcune accortezze per cercare di ridurre al minimo i rischi di una vita all'aria aperta.

- Insegniamo al gatto a rispondere al nostro richiamo.

- Se abbiamo paura, abituiamo Micio ad indossare una pettorina con guinzaglio quando si affaccia al mondo esterno le prime volte.

- All'inizio, facciamolo uscire solo prima dei pasti: se ha fame, ha un buon motivo per rientrare presto.

- Dotiamolo di microchip e attacchiamo al collare (dotato di sblocco automatico nel caso dovesse impigliarsi) una targhetta con i suoi dati.

- Facciamolo sterilizzare: tenderà a gironzolare meno.

- Vacciniamo regolarmente il gatto contro le malattie prevenibili.

- Usiamo con cadenza specifica le protezioni contro le pulci, le zecche e gli altri parassiti.

- Le ore serali sono le più pericolose. In particolare, i gatti sono abbagliati dai fari delle automobili e restano paralizzati in mezzo alla carreggiata. Se Micio esce dopo il tramonto, e sarebbe meglio che non lo facesse, assicuriamoci che indossi un collare catarifrangente.

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Perla
+1 #1 Perla 2014-05-11 09:11
Molto bello l'articolo e ottimi i consigli! c04