^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

SOCIAL GROUP E RSS

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

Come prepararsi ad un nuovo arrivato

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Ai gatti piacciono gli spazi tiepidi e circoscritti. Un semplice lettino va bene, ma alcuni preferiscono il tipo a igloo. Al di là dello stile, assicuriamoci che sia facile da lavare e posiamolo in un angolo tranquillo della casa. Anche un giaciglio supplementare, di quelli che si possono appendere al radiatore, per riposarsi al calduccio o al sole, può essere utile. Nella scelta delle ciotole per l'acqua e per il cibo pensiamo all'aspetto pratico, non estetico.

I gatti preferiscono mangiare e bere in una scodella bassa, tipo sottotazza, perché è più facile da leccare senza toccare i bordi con i baffi. Quelle inodori di plastica resistente sono le più adatte. L'acciaio può risultare freddo al contatto con la lingua. A molti gatti piace bere direttamente dal rubinetto l'acqua corrente. E allora, anche se può sembrare un po' sciocco, consideriamo l'idea di attrezzargli una fontanella.

In linea di massima usiamo una lettiera non profumata e teniamo sotto controllo i cattivi odori pulendola una o due volte al giorno. Le cassettine igieniche possono variare dalle più semplici alle più sofisticate, ma quelle di plastica con i bordi alti sono pratiche, perché evitano che i mici con la predisposizione per l'arte astratta spargano i loro escrementi fuori dalla lettiera. Prevediamo una cassettina per ogni gatto, o una per ogni piano della casa.

Per quanto riguarda i giocattoli, possiamo iniziare con una semplice pallina da ping pong, una bottiglietta di plastica vuota, o una piuma sospesa al filo di una canna. Per gli adulti, scegliamo giocattoli di erba gatta.

Molti gatti, specie quelli provenienti da allevatori scrupolosi o dai rifugi, avranno già passato un controllo medico prima di arrivare a casa nostra. Anche se è così, osserviamo attentamente il comportamento del nuovo arrivato, soprattutto nelle prime 24 ore, e verifichiamo se ci sono problemi legati al suo stato di salute.

Se dovessimo rispondere 'no' anche a una sola di queste osservazioni, prenotiamo una visita dal veterinario.

• Mangia normalmente
• Urina ed espelle le feci senza sforzo o difficoltà
• Non presenta vomito né diarrea
• Respira normalmente senza affanno, rantolo o secrezione di muco
• Le gengive sono rosa e l'alito è normale
• Il mantello è lucido e non presenta minuscole crosticine nere causate da pulci
• Si alza, cammina, salta e si distende senza difficoltà
• È vigile e attivo

Qualunque sorpresa sia lì ad attendere il nuovo arrivato, evitiamo le presentazioni affrettate. Non crediamo che gli altri animali di casa attendano il nuovo venuto a zampe aperte. Il cane, forse; ma il gatto di casa è molto improbabile. Quasi tutti i cani e i gatti alla fine accettano il nuovo venuto, ma in rari casi non è così. Se dovessimo trovarci in questa situazione, potremmo essere costretti a cercare un altro tetto per il nuovo gatto.

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Nikiezorro
+1 #2 Nikiezorro 2014-04-26 10:28
lingua divertente
 
 
Susi
+1 #1 Susi 2014-04-21 16:12
Consigli utilissimi per tutti che sono in "attesa" c11