^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

NEWS E SOCIAL GROUP

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CHI È ONLINE

Abbiamo 106 visitatori e un utente online

La spazzolatura indolore

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Alcune razze a pelo lungo, come per esempio i Persiani, necessitano di una spazzolatura quotidiana per evitare la formazione di nodi e grovigli fastidiosi e dolorosi, talvolta tanto impossibili da districare al punto da rendere necessario l'intervento del veterinario in anestesia generale. Purtroppo per noi non sempre si tratta di un compito semplice e piacevole.

Infatti, non tutti i gatti amano farsi spazzolare, soprattutto nelle zone più sensibili come la parte inferiore delle zampe anteriori e l'addome. Gli allevatori delle razze a pelo lungo dovrebbero inserire nei loro programmi la spazzolatura dei gatti fin da cuccioli, in modo da abituarli; ma questo, purtroppo non significa che imparino anche a gradirlo...

Se Micio ha bisogno di questo tipo di cure ogni giorno, ma ogni volta lo dobbiamo convincere, sappiamo che esistono alcuni passi da seguire per insegnargli a tollerare questa operazione fastidiosa, ma necessaria. Il modo migliore per tentare di renderla un'esperienza il più possibile positiva è quello di offrirgli una leccornia speciale (ma che sia approvata dal veterinario!), riservata solo ed esclusivamente a quei momenti.

Per facilitarci l'operazione, sistemiamoci in una stanza tranquilla e collochiamo Micio su un tavolo, possibilmente in prossimità di una finestra, in modo che possa distrarsi dando un'occhiata fuori. Iniziamo piano piano, con tocchi leggeri e delicati, partendo dalla testa e fermandoci a metà schiena. Continuiamo per non più di una decina di secondi e, non appena ci fermiamo, offriamogli subito un boccone e lodiamolo, permettendogli poi di andarsene.

Aumentiamo la durata della spazzolatura di 5 secondi ogni giorno e, a mano a mano, includiamo altre parti del corpo, a iniziare dal muso, per proseguire poi con i fianchi e la coda; lasciamo per ultimo la base della coda (sopra i fianchi) e le aree più sensibili, ovvero collo, parte posteriore delle zampe e addome. E non dimentichiamo mai di dargli il premio che gli spetta!

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Susi
+1 #1 Susi 2014-02-08 17:38
Buonissimi consigli, grazie Niki.

Le mie "mani bucate" ;-) devono essere il risultato di tutti i tentativi di spazzolatura che ho dovuto fare a certi miei mici che odiavano le spazzole c16